Star Wars: Episodio IX, parzialmente confermato il leak della sceneggiatura di Colin Trevorrow?

Star Wars: Episodio IX, parzialmente confermato il leak della sceneggiatura di Colin Trevorrow?

I fan di Star Wars hanno avuto una tonnellata d’informazioni questa settimana a proposito di Episodio IX, quando un leak pare aver rivelato i dettagli della sceneggiatura originale del film di Colin Trevorrow.

Leggi anche: un leak rivelerebbe la trama dell’Episodio IX di Colin Trevorrow

Nonostante alcune mal considerazioni, questo leak è stato descritto come reale da molte intestazioni, e perfino Making Star Wars, che prima aveva lasciato intendere non fosse reale, ha recentemente confermato la sua attendibilità.

A quanto pare, stando proprio a MSW, una fonte interna ai Pinewood Studios e vicina al sito (descritta come affidabile) avrebbe parlato di alcuni dettagli della sceneggiatura di Colin Trevorrow, che leggendo la lista parrebbero riportare quasi le stesse informazioni trapelate dal post di Reddit sospettosamente cancellato.

  • Durante il title crawl iniziale apprendiamo che il Primo Ordine aveva interrotto tutte le comunicazioni tra i pianeti per reprimere la crescente ribellione ispirata da Luke Skywalker. La missione della Resistenza è di riaprire la comunicazione e chiamare la galassia in guerra.
  • Nella sequenza iniziale, la Resistenza ruba una nave piena di vecchie armi e veicoli imperiali. Durante questa rapina, Finn vede uno Stormtrooper caduto senza l’elmetto. Lo riconosce e ciò riaccende il suo conflitto interno visto che si tratta di suoi fratelli e sorelle in armi che vengono uccisi.
  • Il fantasma della Forza di Luke appare più volte allenando Rey e perseguitando Kylo. Quindi combatte letteralmente al fianco di Rey nel finale.
  • L’imperatore era visto solo come un ologramma all’inizio. Kylo si reca al castello abbandonato di Vader, dove trova un ologramma con un piano di emergenza lasciato per Vader nel caso in cui Palpatine venisse abbattuto da Skywalker ne Il Ritorno dello Jedi. Il messaggio di Palpatine dice a Vader di mandare Luke a farsi addestrare da un’antica creatura forte del lato Oscuro. Qui imparerà ad estrarre la Forza vivente dalla materia grezza. Padroneggiare questa abilità permetterà a Kylo di assorbire la Forza vivente dal cuore di Mortis e raggiungere il potere assoluto.
  • Per trovare Mortis e fermare Kylo, ​​Rey, Poe e Chewie, vanno su un nuovo pianeta che sembrava una sorta di mercato notturno nell’acqua, un luogo che ricorda la Thailandia. C’era una scena simile a quella in cui si recamp da Babu Frik e il piccolo alieno sensibile alla Forza può leggere la visione di Rey su Mortis per tracciare una mappa. Nel frattempo Finn, Rose e i droidi OT vanno su Coruscant occupato dai nemici per attivare un antico faro nel vecchio tempio Jedi e chiamare la galassia alla guerra. Inizialmente ci riescono, ma il messaggio viene interrotto e vengono catturati. Finn viene mandato in un campo di lavoro di prigionieri di guerra, Rose viene interrogata da Hux.
  • Hux era un cattivo, non una spia della Resistenza. C’è una scena divertente in cui è solo e lo vediamo provare a muovere una moneta con la Forza, invidioso degli altri che hanno questo dono. Quando cerca di estrarre informazioni dalla mente di Rose, lei ride di lui. Alla fine, si uccide in stile seppuku con una spada laser che tiene in una custodia da collezionista (aveva diverse spade laser che aveva acquisito negli anni, parte della sua “invidia della Forza”, come la chiama Rose).
  • I Cavalieri di Ren avevano nomi e abilità portate dalla Forza. Rey li combatte sul pianeta del mercato notturno, su una struttura mobile di piattaforme d’atterraggio (design difficile da spiegare ma interessante). In questa sequenza, viene rivelato che i genitori di Rey – che erano dei nobili – furono uccisi da Kylo e dai Cavalieri di Ren (questo momento è stato visto per la prima volta nella visione di Rey quando ha toccato la spada laser ne Il Risveglio della Forza). Quando Rey lo viene a sapere, uccide uno dei cavalieri con un fulmine della Forza, e la sua rabbia la spinge ulteriormente verso il Lato Oscuro.
  • Rey e Poe hanno avuto un’attrazione che si intensifica durante la loro avventura insieme. Tutto viene complicato dalla visione di Rey che morirà su Mortis e la sua innegabile connessione con Kylo. C’è una scena emotiva in cui Rey inganna Poe con i suoi poteri mentali per lasciarla e andare ad aiutare la Resistenza, a quel punto però va su Mortis da sola.
  • Kylo si allena con la creatura Sith (una specie di Yoda dal lato oscuro) su un pianeta simile a Mercurio. Qui entra in una caverna della Forza dove combatte Darth Vader e perde la sua paura più profonda. Quando padroneggia completamente la nuova abilità della Forza, uccide la creatura Sith con questo potere, succhiandogli via la vita. Kylo sembra irredimibile a questo punto.
  • Nel campo di prigionia di Coruscant, Finn si collega con lo Stormtrooper che lo sorveglia. Quando Finn fugge dalla prigione, questo stormtrooper lo salva, togliendosi l’elmetto come una volta fece Finn. Altri si uniscono e lui e formano un piccolo esercito. L’ultima battaglia a terra viene guidata da Finn e dai riformati Stormtroopers (senza elmetti) per le strade di Coruscant, ora la Capitale del Primo Ordine occupata. La Resistenza si unisce con dei veicoli imperiali rubati (AT-ST, ecc.) dipinti con i loro colori da rivoluzionari. Avviene anche una battaglia aerea simultaneamente sopra la città, guidata da Poe, che ora è il loro generale.
  • Il ruolo di Lando era diverso, lo trovano a gestire un bar / club segreto per gli ufficiali del Primo Ordine in stile Casablanca. Rifiuta inizialmente la richiesta di aiuto di Poe, ma poi arriva con uno squadrone di persone prese qua e la per la galassia, come in L’Ascesa di Skywalker.
  • Nella battaglia a terra, R2-D2 viene distrutto. C-3PO inserisce l’unità di memoria di R2 in BB-8, che deve correre per le strade per portarla a Rose, che ha bisogno dei dati per calibrare l’hyper drive della Capitol Ship e volare direttamente in una stella, come Han Solo aveva avvertito fosse possibile. L’esplosione viene vista in lungo e in largo nella galassia, fungendo da faro che chiama il popolo alla rivoluzione.
  • Nello scontro su Mortis, Rey viene accecata e lasciata morire sui gradini del Tempio. Il fantasma della Forza di Luke Skywalker sembra confrontarsi con Kylo. Mentre Luke intona le parole pronunciate da Obi-Wan (la Forza lega insieme la galassia ecc….), a Rey viene data forza da tutti i suoi amici della battaglia di Coruscant (Poe, Finn, Rose) connettendosi a lei attraverso la Forza. La Jedi si alza quindi e combatte Kylo con gli occhi bendati, fidandosi del suo istinto.
  • Nei suoi ultimi momenti, Kylo dice a Rey il suo nome completo: Rey Solana (in spagnolo Solana è il fianco di una montagna dove l’ombra non cade). Rey muore. Si innalza verso il piano astrale, dove Yoda, Luke, Obi-Wan e Anakin la stanno aspettando. Insieme, la riportano in vita con l’incarico di formare una nuova generazione di Jedi, trasmettendo ciò che ha imparato. La galassia crede che Rey non ci sia più. Ma Finn crede che tornerà. Finn e Rose portano quindi tutti i bambini sensibili alla Forza trovati in una fattoria remota per aspettarla, fra cui c’è anche il bambino de Gli Ultimi Jedi.
  • L’unità di memoria di R2 viene riparata. Leia, Chewie e Threepio guardano mentre R2 scorre attraverso tutti gli ologrammi che abbia mai registrato. Leia riporta in auge il Senato e diventa il nuovo leader della galassia. Nella scena finale, Rey ritorna nella remota fattoria di Finn per addestrare la prossima generazione di Jedi.

Queste informazioni sono tutto quello che Jason Ward di Making Star Wars avrebbe appreso dalla prima bozza di Star Wars: The Duel of the Fates. Pare non aver letto questa versione della sceneggiatura in prima persona, ma solo una versione finale che era abbastanza diversa in molti modi. Dagli artisti con cui ha parlato, sembra che Colin Trevorrow e Derek Connolly abbiano escogitato le loro idee e poi abbiano collegato quelle idee dai piani prestabiliti di Star Wars. Va detto che la sceneggiatura è davvero bella e intrigante, ma capisco perché uno come JJ Abrams non abbia voluto legare le sue mani a concept e idee come Mortis.

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: