Star Wars: Episodio IX, Perché Keri Russell non dovrebbe interpretare la madre di Rey?

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Dopo il casting di Keri Russell per Star Wars: Episodio IX, di cui ancora non conosciamo il titoli ufficiale, in molti si sono messi a speculare circa il fatto che l’attrice potrebbe interpretare la madre di Rey, ovviamente partendo dal fatto che molti sono rimasti delusi dal colpo di scena ideato da Rian Johnson in Gli Ultimi Jedi.

Mentre leggi il buon J.J.Abrams si prepara per iniziare la produzione di questo nuovo sequel, che concluderà la cosiddetta “trilogia sequel“, e secondo quanto riferito, la Russell interpreterà uno dei tre nuovi personaggi che si aggiungeranno al cast della pellicola, anche se la sua identità è tutt’ora un mistero.

Dato che Russell è l’ultima “bruna” ad entrare nel franchise di Star Wars, molti spettatori si sono affrettati ad ipotizzare che forse l’attrice potrebbe essere la madre di Rey, anche dopo che ne Gli Ultimi Jedi, Rian Johnson ha risposto alle domande sulla parentela di Rey. La mancata accettazione dei fan però ha portato a speculare ancora, addirittura pensando che i personaggi di Felicity Jones ed Emilia Clarke fossero madri del personaggio

Ma per quanto possa essere divertente ipotizzare, il canone è stato stabilito per il momento. Non è detto che Abrams non cambi le carte in tavola all’improvviso, questo è certo, ma sarebbe una pessima mossa, ed in qualche modo anche un grosso dito medio verso lo spettatore. Se Star Wars: Episodio IX dovesse percorrere questa strada, la cosa indebolirebbe significativamente non solo il ruolo e l’arco narrativo che coinvolge Rey, ma anche il ruolo della Lucasfilms, azienda che deve seguire le proprie idee, non le lamentele dei fan.

In più, la filosofia che si cela dietro Rey sovverte per un attimo la classica narrazione di Star Wars, portando novità. Fra Luke e Rey c’è una forte differenza, nel primo vediamo il figlio del potere, che ottiene la sua Forza per via “genetica”; mentre nella seconda vediamo una persona qualunque, una persona che è niente e viene dal niente, evidenziando quindi una particolarità nell’eredità di Rey, ovvero il fatto che un eroe può nascondersi dentro chiunque, anche se di ignobili origini. Il posto al quale appartiene è così insignificante nella storia di Rey, che “sistemare” quel particolare per accontentare i detrattori toglierebbe non solo magia al personaggio, ma renderebbe inutile l’evoluzione, visto che nel corso del suo viaggio la protagonista impara a lasciar dietro di se il proprio passato, trovando una famiglia ed un senso di appartenenza in altro. Inoltre anche il discorso di Maz Kanata a Rey ne Il Risveglio della Forza mette in luce che il suo passato non è importante, e che lei deve lasciarlo perdere per guardare avanti.

Quindi chi è il personaggio di Keri Russell? Non ci è dato saperlo, ma se sappiamo qualcosa è che Rey ha bisogno di un maestro, di qualcuno che gli insegni le vie della Forza, e se questo non deve essere Kylo Ren, perché la farebbe sprofondare nell’oscurità, potrebbe essere una Jedi sopravvissuta? O magari una delle allieve di Skywalker che non sono cadute sotto la spada di Ren? O ancora un Cavaliere di Ren pentito? Solo il tempo ce lo dirà.