Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, Adam Driver non pensa che Kylo Ren debba redimersi

Ci sono molte teorie dei fan là fuori riguardanti Kylo Ren e la sua possibile redenzione in Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, ma a quanto pare non sembra che Kylo stia cercando alcun tipo di redenzione perché, secondo Adam Driver, non ne ha bisogno.

Durante una recente intervista con Entertainment Weekly, a Driver è stato chiesto se fosse possibile riscattare Kylo e la risposta dell’attore è stata: “Per cosa deve riscattarsi?”.

Vediamo: Kylo ha ucciso suo padre, Han Solo, ha dato la caccia agli ultimi Jedi praticamente uccidendo Luke Skywalker lanciando un attacco che ha richiesto al Maestro Jedi di prosciugare la sua forza vitale trattenendolo. Ha distrutto diversi pianeti con la base Starkiller, e in generale, e secondo molti è stato un leader troppo cupo e privo di umorismo facendo parte di un movimento fascista – ogni riferimento a cose o persone è puramente casuale.

Ma come attore, Driver vede le cose maggiormente dal punto di vista del suo personaggio.

“Kylo Ren ha un’identità diversa, una diversa definizione di cosa sia la redenzione”, ha affermato Driver. “Si è già redento nella sua storia. Non penso che ci sia un pensiero di redenzione dentro di lui. Non ha una visione esterna degli eventi, sapete – capisci cosa intendo? Quella è più la visione di un estraneo al suo mondo.”

Nel film finale della Skywalker Saga, il viaggio di Kylo lo porterà a un epico scontro con Rey sulle rovine della seconda Morte Nera, oltre a far squadra con i Cavalieri di Ren per altri scopi. Abrams vede il duo come “due facce della stessa medaglia“, notando, “anche quando non sono insieme si perseguitano – sanno di essere reciprocamente persone con affari irrisolti”. Da parte sua, Driver rifiuta qualsiasi etichetta per la relazione tra Rey e Kylo:

“Non penso che sia tutta questa cosa”, dice. “Parte del divertimento nel giocarci è che i suoi confini continuano a cambiare. A volte è più intimo, a volte meno intimo. A volte è codipendente. E poi, ovviamente, è contraddittorio”.

La sinossi preliminare recita: “Lucasfilm e il regista JJ Abrams uniscono nuovamente le forze per portare gli spettatori in un viaggio epico nella galassia lontana, lontana con Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, la conclusione avvincente della saga degli Skywalker, dove nasceranno nuove leggende e avrà luogo la battaglia per la libertà deve ancora venire“.

Nel cast Daisy Ridley (Rey), Adam Driver (Ben Solo / Kylo Ren), John Boyega (Finn), Oscar Isaac (Poe Dameron), Carrie Fisher (Leia Organa), Mark Hamill (Luke Skywalker), Domnhall Gleeson (Generale Hux), Lupita Nyong’o (Maz Kanata), Joonas Soutamo (Chewbacca), Kelly Marie Tran (Rose), Anthony Daniels (C-3PO), Billie Lourd (Tenente Connix), Keri Russell (Zorii), Dominic Monaghan, Richard E. Grant, Billy Dee Williams (Lando Calrissian) e Ian McDiarmid (Imperatore Palpatine).

Star Wars IX: L’Ascesa di Skywalker (Star Wars IX: The Rise of Skywalker) uscirà nelle sale italiane il 18 dicembre 2019, con J.J. Abrams alla regia, su una sceneggiatura di Chris Terrio e dello stesso Abrams, che hanno pesantemente rimaneggiato la sceneggiatura precedentemente scritta da Derek Connolly e Colin Trevorrow, dopo il licenziamento di quest’ultimo come regista della pellicola, e con Kathleen Kennedy, Michelle Rejwan e lo stesso Abrams come produttori. La fotografia è a cura di Dan Mindel, mentre la colonna sonora è ovviamente composta da John Williams.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: