Star Wars – News su Luke Skywalker e Rose Tico

L’epilogo di Star Wars: Il Risveglio della Forza ha avuto una scena inaspettata per i fan, finalmente abbiamo visto Luke Skywalker apparire sul grande schermo per la prima volta in 32 anni, e non ha nemmeno parlato. Luke era un vecchio, un eremita, qualcuno che nessuno della galassia aveva visto da decenni e viveva da solo su una piccola isola su un pianeta abilmente chiamato Ach-To (come nel secondo atto della nuova trilogia). Rispondere alle domande dei fan di come è arrivato lì e perché sono state le prime cose alla quale il regista e sceneggiatore Rian Johnson ha pensato.

“Il primo passo nella scrittura è stato capire perché è in quella isola”, racconta Johnson a EW.

“Sappiamo che non è un codardo. Non si nasconde solo perché è spaventato. Sappiamo anche che deve sapere che i suoi amici sono in pericolo. Deve sapere che la galassia ha bisogno di lui. E sta seduto su questa isola in mezzo al nulla. Doveva essere una risposta. Doveva essere qualcosa in cui Luke Skywalker crede e sa di fare la cosa giusta – e il processo di capire cosa si tratta e di disimballare è il viaggio per Rey.”

Lo stesso Skywalker, Mark Hamill, ha elaborato ulteriormente quello che stava attraversando il personaggio e come i sentimenti che porti si allungano fino al film originale.

“[Luke] ha commesso un enorme errore nel pensare che suo nipote fosse il prescelto, quindi aveva investito tutto quello che aveva a Kylo, proprio come Obi-Wan ha fatto con il mio personaggio, e viene tradito con conseguenze tragiche. Luke si sente responsabile per questo. Questo è l’ostacolo primario che deve ricongiungere al mondo e al suo posto nella gerarchia degli Jedi, sai? È quella colpa, quella sensazione che sia colpa sua, che non ha rilevato l’oscurità in lui fino a quando non era troppo tardi … Credo che probabilmente guardi l’orizzonte e desideri che possa essere più efficace, di essere quello che Obi -Wan voleva che lui fosse, ma la vita è imperfetta e senza conflitti non c’è dramma. Credimi, vedrete un sacco di conflitti ne L’ Ultimo Jedi. Questo è certo. “

Daisy Ridley ha avuto una buona intuizione sul ragionamento di Rey sul incontrare il vecchio Luke, rivelando i pensieri interiori del personaggio dicendo:

“Oh mio Dio, l’altro uomo che ho perso un paio di giorni fa era un po ‘ come una figura paterna. Ora se ne è andato, e invece sono con questo “ragazzo” scontroso su un’isola che non mi vuole qui. “

C’è anche la questione del Finn di John Boyega nel sequel, che in precedenza si è descritto come un “grosso problema” nella Resistenza ed ora scopre che è proprio ciò che diceva di essere.

“Ognuno nello spazio, in tutta la galassia, avrà sentito parlare della giovane Jedi che ha scoperto i suoi poteri e ha sconfitto Kylo Ren e il giovane ex Stormtrooper che l’ha aiutata a salvare tutti”, racconta Boyega. “È un eroe per le persone come Rose, che lottano per la Resistenza perché le loro case sono state distrutte dal Primo Ordine”.

Rose è un personaggio nuovo per il film e il franchising, interpretato dall’attrice Kelly Marie Tran. Tran afferma che il suo personaggio viene coinvolta dalla fama di Finn quando si incontrano prima, vedendolo come l’inverso di chi è lei stessa.

“Poe Dameron è super cool. Finn super cool. Anche se [Rose] è brava in quello che fa, non è nota “, dice Tran. “Non è cool. È questa nessuno, questa giocatrice di sfondo, che è ciò che la rende interessante. Non è la migliore. È una persona come tutti gli altri “.

Finn e Rose faranno squadra nel film, portando nella “metropoli del casinò” Canto Bight, situata sul pianeta Cantonica. “Tutta la città è una specie di resort di lusso che è stato costruito su questo pianeta altrimenti abbandonato e arido”, dice Johnson. “È come Vegas con gli alieni. Quindi forse è come Vegas. “

Johnson ha anche parlato del film nel suo complesso, puntando verso i paralleli che i fan vedranno tra The Last Jedi e The Empire Strikes Back e di come fossero effettivamente coincidenti.

“Ho solo cercato di ignorare quel aspetto e di dare alla storia la giusta forma. Ma guarda, Rey si trova in una posizione remota con un maestro Jedi, e la Resistenza è in un punto difficile e stiamo intrecciando quelle storie. Per sua stessa natura, ci sono alcuni paralleli strutturali. Ma questi sono nuovi personaggi, hanno a che fare con cose nuove e che in definitiva è ciò che definisce il film. Quindi penso che sarà unico “.

Ricordatevi di leggere anche i nostri precedenti articoli a tema Star Wars!

Star Wars: Gli Ultimi Jedi, nuove immagini dal nuovo numero di EW

Star Wars: George Lucas spiega la scelta di Mark Hamill come Luke Skywalker

SDCC2017: presentato il TIE Silencer di Kylo Ren

Han Solo: A Star Wars Story, Darth Vader tornerà?

Rogue One: A Star Wars Story, gli stormtrooper e gli AT-AT si divertono per il wrap party