Steven Seagal è stato quasi scelto il ruolo di Batman nel film di Tim Burton

A quanto pare, la Warner Bros. ha considerato quello che una volta veniva considerato la star dei film d’azione, Steven Seagal, per il ruolo principale in Batman di Tim Burton, stando almeno a quanto detto dalle sceneggiatore Sam Hamm.

“C’erano molte persone al Warner che volevano lanciarlo con al centro una star di film d’azione. Volevano lanciare più la parte con Batman, al contrario duna i fusione come Bruce Wayne”, ha detto Hamm a SyFy WIRE del ruolo che alla fine è andato a Michael Keaton. “Devi fare in modo che Bruce Wayne funzioni, perché Batman è, per la maggior parte, un personaggio interpretato da stunt, o vedrai solo qualcuno che corre in costume in un una lunga ripresa. Non hai bisogno di esperienza nelle arti marziali come, per esempio, Steven Seagal o qualcuno del genere, perché puoi simulare quel genere di cose. Seagal è stata una delle persone che ci è stata suggerita.”

L’esperto di arti marziali e star di Above the Law era stato preso in considerazione una volta, ma Seagal non ha mai nemmeno pensato di accettare, stando a quanto raccontato da Hamm.

“Che ci crediate o meno, apparse sulla scena, e la gente ha pensato che spaccasse i culi. Potrebbe essere Batman”, ha detto Hamm. “Ma non penso che si sia mai arrivati al punto in cui ha letto delle battute. Era solo uno dei nomi presi in considerazione.”

Il casting di Keaton è stato notoriamente controverso: l’attore era noto al tempo per i suoi ruoli comici e la sua filmografia era ampiamente citata dalla critica che sosteneva che le opere passate di Keaton lo avrebbero reso uno strano mix per il primo giro di giostra cinematografico serio di Batman. Ma Keaton era in linea con il personaggio relativamente fresco immaginato da Hamm e Burton.

“Bruce Wayne è un ragazzo che ha preso una sorta di pazza decisione nella propria vita. Gli è successa una cosa molto brutta”, ha detto Hamm.

“E’ diventato ricco. È venuto in possesso di grandi ricchezze. Non aveva una figura apparentemente autoritaria nella sua vita, tranne il suo maggiordomo. Per quanto ne sanno tutti, il tizio che ha cresciuto Bruce Wayne era il suo maggiordomo. Quindi se il maggiordomo dice: ‘Signorino Bruce, questo è pazzesco, non puoi indossare un costume e uscire a combattere il crimine’, allora Bruce avrebbe semplicemente potuto licenziarlo, trovare un altro maggiordomo.

Quindi non ha avuto alcun tipo di influenza costante che gli diceva: ‘Devi superare tutto questo. Devi buttarti tutto alle spalle e fare qualcosa di produttivo con la tua vita’.”

Anche se Alfred (Michael Gough), maggiordomo-padre-custode della famiglia Wayne, era una persona in accordo con ciò che Bruce faceva, serviva un Batman che non era ancora pienamente formato – o pienamente impegnato nello stile di vita del crociato incappucciato.

“Poi abbiamo pensato, e se avessimo questo tizio che ha iniziato questo progetto da poche settimane, con le cose che funzionano e quelle che non funzionano? E se stesse cercando di capire effettivamente cosa funziona e cosa no? Comincia a pensare se potrebbe o meno avere una vita normale. In altre parole, cosa succederebbe se Bruce Wayne iniziasse a diventare sano di mente? Questa è stata la nostra storia.”

Fonte