Stranger Things 4: i creatori dello show parlano di Chrissy e del colpo di scena nel primo episodio

Attenzione: l’articolo contiene SPOILER dalla 4° stagione di Stranger Things

I creatori di Stranger Things, Matt e Ross Duffer, ammettono di essersi pentiti di aver ucciso un personaggio all’inizio della stagione 4.

Leggi anche: l’interprete di Vecna parla del personaggio e anticipa sviluppi nella parte 2

Dopo tre stagioni in cui sono stati presentati personaggi come Barbara Holland, Billy Hargrove e Alexei (tutti morti), il volume 1 della stagione 4 di Stranger Things è arrivato su Netflix il 27 maggio. Dopo una pausa di tre anni, i fan hanno ritrovato i loro personaggi preferiti incontrando una miriade di volti nuovi, inclusa la ragazza più popolare della scuola.

Il Capitolo uno presenta al pubblico la Chrissy Cunningham di Grace Van Dien, la cheerleader più celebre della Hawkins High e la fidanzata del capitano di basket Jason Carver. Simile al metalhead di Dungeons & Dragons di Joseph Quinn, Eddie “the Freak” Munson, il personaggio di Chrissy è un po’ monotono all’inizio, ma una singola scena tra i due ha rivelato che era stata creata come un personaggio sfaccettato e affascinante, e molti fan si sono dimostrati ansiosi di vederlo insieme proprio a Eddie.

Sfortunatamente, la cheerleader ha cercato da Eddie dei farmaci per aiutarla con il suo mal di testa e le allucinazioni, che sono un sintomo quando vieni presa di mira da Vecna, e dopo ha fatto la terribile fine che sappiamo.

A quanto pare, anche i fratelli Duffer sono rimasti devastati da questo punto della trama. In una recente intervista con TVLine, i creatori di Stranger Things hanno parlato della morte di Chrissy. Secondo i Duffer, quando si sono resi conto del potenziale dell’attore e del personaggio, il suo destino era già stato segnato.

Matt: Abbiamo sempre quei momenti alla ‘cosa abbiamo fatto?’. Abbiamo girato la scena dello spaccio di droga senza virgolette nel bosco abbastanza tardi, in realtà, prima delle riprese.

Ross: Avevamo già ucciso Chrissy quando l’abbiamo girato.

Matt: La scena si è animata in un modo così bello. E gran parte di questo merito va a Joe e Grace. È stata solo una di quelle scene fortunate in cui siamo stati in grado di avere due telecamere che giravano contemporaneamente. Joe stava facendo un sacco di cose in modo abbastanza spontaneo e stavamo ricevendo queste incredibili reazioni da Grace. […] È piuttosto impressionante ciò che Grace è stata in grado di fare con pochissime scene per convincere le persone a preoccuparsi di lei.

La chimica tra Van Dien e Quinn nell’episodio 1 dà credito al presupposto che entrambi i personaggi sarebbero diventati una parte cruciale del cast della quarta stagione di Stranger Things.

Dato lo status della serie come omaggio all’intrattenimento horror degli anni ’80, il tropo popolare delle ragazze che si innamorano degli emarginati si sarebbe adattato alla coppia molto bene, tuttavia quella dinamica è già stata esplorata nella prima stagione con Nancy e Jonathan. Inoltre, la simpatia di Chrissy rende la sua morte ancora più impattante e dà il tono per il resto della stagione. Sebbene il suo omicidio fosse in qualche modo previsto, è a causa di Chrissy che il pubblico teme davvero per Max nell’episodio 4.

Anche se alcuni fan pensano di poter fare a meno della sottotrama satanico-panico di Jason, la morte di Chrissy Cunningham nella quarta stagione è il trampolino di lancio per tutto ciò che accade in Hawkins (esclusa la relazione tra Eleven e Vecna). Anche se il ruolo di Van Dien in Stranger Things potrebbe essere stato breve, i Duffer hanno in programma di lavorare con l’attrice in futuro. Simile a come si sono innamorati di Sean Astin nei panni di Bob durante la seconda stagione, affermano nella stessa intervista che troveranno un modo per lavorare di nuovo con lei.

Fino ad allora, come mostrato nel trailer, il volume 2 della stagione 4 di Stranger Things vedrà Eddie suonare la chitarra per salvare la vita dei suoi nuovi amici quando uscirà venerdì 1 luglio.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: