Stumptown: ABC cancella lo spettacolo ma rimane in cerca di un nuovo network

In quello che purtroppo non sarà l’ultimo di questi tipi di inversioni, la ABC ha deciso ieri di cancellare la serie con Cobie Smulders, Stumptown, nonostante abbia rinnovato lo spettacolo per la seconda stagione all’inizio di quest’anno.

ABC Signature, lo studio dietro lo spettacolo, ha in programma di portarlo in giro per sperare di trovarlo una nuova casa.

Il motivo della cancellazione è in parte dovuta al COVID. La produzione doveva ovviamente iniziare nella seconda stagione di Stumptown all’inizio di questa estate, ma gli spettacoli televisivi stanno tornando al lavoro solo ora. A complicare ulteriormente le cose è il fatto che la serie ha cambiato gli showrunner prima della seconda stagione, il che ha significato un ritardo più significativo mentre preparavano le sceneggiature.

Ciò significava che la stagione 2 di Stumptown non sarebbe stata pronta per la messa in onda fino all’aprile 2021 circa, che è la fine del programma televisivo della rete e non era esattamente in linea con i piani della ABC per il suo calendario 2020-2021. Di conseguenza, hanno deciso di non andare avanti con la stagione 2, dopotutto.

Stumptown viene girata a Los Angeles e vede nel cats anche Jake Johnson, Michael Ealy e Tantoo Cardinal, con una trama che ruota attorno a un veterano marine che ora lavora come investigatore privato. Lo spettacolo si è comportato particolarmente bene con la visualizzazione ritardata, il che potrebbe significare che potrebbe adattarsi meglio a uno streamer come Hulu o Netflix. Dio sa che Netflix ha bisogno di programmi TV di tipo network più tradizionali che possano durare anni e creare il tipo di esperienza visiva gioiosa che mantenga i fan rabbiosamente coinvolti.

Ma anche Netflix ha recentemente rinnegato gli ordini della seconda stagione, avendo recentemente deciso di non andare avanti con le seconde stagioni di The Society e I Am Not Okay with This nonostante le avesse ordinate in precedenza. I ritardi dovuti al COVID e i costi di produzione aggiuntivi per le misure di sicurezza hanno spinto ogni rete a ripensare alla sua prossima lista.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: