Suicide Squad: Batman V Superman e Deadpool abbiano influenzato il cambiamento del film

Il regista di Suicide Squad incolpa Batman V Superman e Deadpool per aver cambiato film.

David Ayer è stato molto presente sui social media nelle ultime settimane poiché si è scoperto che esiste la possibilità che una sua “Ayer Cut” di Suicide Squad esista. Questa volta, il regista ha scritto su Twitter per sostenere che le risposte dello studio sia a Batman V Superman che a Deadpool non hanno aiutato affatto il suo film.

Quando il film di Zack Snyder arrivò nelle sale, i critici non furono gentili, come di solito sono con i film di Snyder, e nel frattempo la Fox ha tirato fuori un grande asso nella manica sbancando totalmente con l’irriverente commedia d’azione, Deadpool. Aveva senso l’iniettare un po’ di leggerezza nei film, ma il desiderio della Warner potrebbe aver finito per danneggiare il prodotto finito.

“Questo trailer ha inchiodato il tono e l’intenzione del film che ho realizzato”, Ayer ha spiegato. “Metodico. A strati. Complesso, bello e triste. Dopo che le recensioni di BVS hanno scioccato la leadership assieme al successo di Deadpool, il mio dramma sentimentale è stato tramutanto in una commedia.”

Il regista ha ottenuto un po’ di supporto negli ultimi anni dai fan della DC, nonostante tutti riconoscano la scarsa qualità del film arrivato al cinema. Una cosa per cui alcuni fan hanno fatto eccezione è stata la rappresentazione del film di Harley Quinn. Bene, Ayer in realtà ha detto che ciò era dovuto anche ad alcune forze esterne nei precedenti commenti sui social media. A quanto pare:

“il suo arco narrativo è stato sviscerato. È stato il suo film in molti modi”, ha condiviso il regista. “Guarda, ci ho provato. L’ho resa accurata ai fumetti. Ora è tutto politico. Qualunque cosa. Voglio solo far divertire. Farò meglio”.

Successivamente il regista si è sbottonato circa le differenze tra il suo montaggio e quello uscito effettivamente al cinema, dicendo in particolare della scena del Joker che concluse il primo trailer, che gli fu imposto di cambiarla perché ritenuta “troppo dark”. A quanto pare il primo atto era costruito in maniera normale, ispirato a Nolan, con molte scene in cui Leto ha dato grandissime prove di recitazione, come anche Margot Robbie. Joker era spaventoso, Harley era complessa.

Con James Gunn ancora sulla buona strada per rilasciare The Suicide Squad, le cose non sembravano buone per la prospettiva di Ayer di tornare al franchise. Ma gli sviluppi con Justice League di Zack Snyder fanno credere che tutto sia possibile ora. È difficile non essere speranzosi come fan dopo esser stati trattati a pesci in faccia, e resta da vedere se la major dietro questo film capirà che gli spettatori vogliono più libertà creativa da parte dei registi, e meno intromissioni.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: