Suicide Squad: Joe Manganiello rivela che sarebbe dovuto essere il villain del sequel

Che l’universo narrativo DC abbia drasticamente cambiato rotta nel corso degli anni è cosa risaputa, con la Warner Bros. interessata più nel concentrarsi sui singoli film mettendo in secondo piano la creazione di un universo condiviso in stile Marvel Cinematic Universe. Scelta che l’ha portata a realizzare anche progetti completamente sconnessi dal franchise iniziato con L’Uomo D’Acciaio, come il Joker di Todd Phillips e il tanto chiacchierato The Batman di Matt Reeves.

Uno dei tanti film che hanno particolarmente subito questo cambiamento è Suicide Squad. Il film di David Ayer di certo non brilla in nessun aspetto particolare (tecnico o narrativo che sia), per usare un eufemismo, e il sequel The Suicide Squad di James Gunn prenderà, infatti, una strada completamente differente in quanto tono e regia. Per chi è “veterano” ed ha vissuto la nascita è “crescita” dell’universo cinematografico DC si ricorderà che si parla del sequel di Suicide Squad da anni e anni.

Oggi, infatti, arriva un’intervista rilasciata da Joe Manganiello, attore interprete di Slade Wilson / Deathstroke, che conferma di esser stato pensato come villain per il mai realizzato sequel di Suicide Squad.

 

Il Deathstroke di Manganiello non ha ancora mai avuto l’occasione di brillare. Lo abbiamo visto fugacemente nella scena post-credits di Justice League e a breve lo rivedremo nella celebre Snyder Cut del suddetto film, ma inizialmente sembra che il personaggio sarebbe dovuto essere l’antagonista principale del sequel di Suicide Squad di David Ayer.

A dichiararlo è lo stesso Manganiello durante una recente intervista con Josh Horowitz nell’ultima puntata del podcast Happ.Sad.Confused:

C’erano quattro o cinque versioni differenti di Suicide Squad 2 per cui ero stato messo in attesa per diverso tempo, aspettando che un attore si liberasse per poi partire.

Manganiello col procedere dell’intervista parla anche di un film solista su Deathstroke mai realizzato, in quanto non era considerato come una priorità:

Quando le acque si calmarono, non era considerato come priorità realizzare un film da 40 milioni di dollari su un villain raccontando le sue origini.

Infine, l’attore rivela che nella Snyder Cut di Justice League vedremo il personaggio “morire come un guerriero”:

Alla fine del film l’ho sempre immaginato radersi la testa come un guerriero per una folle missione suicida, ‘Eccoci, sto per morire come un guerriero’ l’ho spiegato a Zack e lui ha detto ‘Grande, facciamolo’.

Per chiudere definitivamente la parentesi DC, Manganiello rivela che è comunque curioso di vedere cosa accadrà al suo personaggio in futuro, magari con la possibilità di una resurrezione de cosiddetto Snyderverse inizialmente pensato dal regista di 300:

Credo che ci sarà parecchio interesse circa quello che Zack voleva inizialmente fare.

 

Fonte: The Direct


Una volta una voce, ora una realtà, la Justice League di Snyder arriverà su HBO Max nel 2021. La crew di post-produzione originale si sta riunendo per completare la colonna sonora, i dialoghi e gli effetti speciali. Snyder aveva inizialmente previsto un Justice League molto più lungo della versione cinematografica. Grazie in gran parte alla richiesta virale dei fan della Snyder Cut, il regista può ora realizzare la sua visione come un film di 4 ore.

Quando Joss Whedon è subentrato a Snyder nel 2017, ha avuto un effetto drammatico sul DCEU. Il prodotto finale di Whedon lasciava molto a desiderare; la Justice League non sembrava una parte fedele dell’arco narrativo pianificato di Snyder. A questo punto, il DCEU si percepisce in gran parte come dissimulato, con film come The Batman e Black Adam che si preannunciano come resettaggi spirituali, ma senza ignorare l’universo espanso.

Justice League è un film del 2017, per la regia di Zack Snyder, su una sceneggiatura di Chris Terrio e Joss Whedon, con soggetto di Zack Snyder e dello stesso Terrio, basato sui fumetti di Gardner Fox, e con Deborah Snyder, Geoff Johns, Jon Berg e Charles Roven come produttori.

La fotografia è a cura di Fabian Wagner, mentre la colonna sonora è composta da Danny Elfman.

Nel cast Ben Affleck (Bruce Wayne / Batman), Henry Cavill (Clark Kent / Kal-El / Superman), Amy Adams (Lois Lane), Gal Gadot (Diana Prince / Wonder Woman), Ezra Miller (Barry Allen / Flash), Jason Momoa (Arthur Curry / Aquaman), Ray Fisher (Victor Stone / Cyborg), Jeremy Irons (Alfred Pennyworth), Diane Lane (Martha Kent), Connie Nielsen (Ippolita), Ciaràn Hinds (Steppenwolf) e J.K. Simmons (James Gordon).

Andrea D'Eredità

Andrea D'Eredità

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: