Suspiria: Dario Argento commenta il film di Luca Guadagnino

Di solito fare remake è una mossa commerciale che non condivido, soprattutto quando si parla di grandi perle del cinema come Suspiria, di Dario Argento, ma, d’altra parte, se non esistessero i remake non avremmo mai avuto film come La Cosa di John Carpenter, per citarne uno. Quindi ecco perché sono molto incuriosito dal remake di Suspiria ad opera di Luca Guadagnino, regista nostrano che ha dimostrato di essere veramente capace con il suo recente Chiamami Col Tuo Nome. Ora, però, si deve passare da uno stile delicato ad uno decisamente più brutale ed inquietante per questo Suspiria, che già dai trailer sembra essere particolarmente diverso da quello originale di Argento.

Lo stesso Argento, quando venne a sapere del remake, non ne volle sapere e si scagliò contro questo progetto e, dopo anni di silenzio, ha detto la sua riguardo il film di Guadagnino, che ha avuto modo di vedere al Festival di Venezia, dove è stato presentato. Qui le parole di Argento rilasciate durante un’intervista con l’ANSA:

È un film diverso dal mio, fatto con uno spirito diverso, nello stile raffinato, elegante e ben fatto di Luca Guadagnino che resta uno dei migliori registi europei. E per quanto riguarda le differenze rispetto all’originale?
Il mio stile aveva una ferocia e una grinta che il remake non ha. L’horror è una questione interiore, dipende da quello che hai dentro.

Che ne dite? Secondo voi il maestro dell’horror italiano ha apprezzato quanto fatto da Guadagino?


[amazon_link asins=’B01N0R7VDW,B004NRN2QK,B018IIA56O,B07B94GD5Y,B0741F2RDM,B01LTHL0IS,B01LZJDX5L’ template=’ProductCarousel’ store=’cinespression-21′ marketplace=’IT’ link_id=’238fa7b1-b066-11e8-ac05-633e37f6d579′]


Suspiria uscirà nelle sale italiane a novembre 2018, con Luca Guadagnino alla regia su una sceneggiatura di David Kajganich, ispirata all’omonimo film di Dario Argento. Nel cast Chloe Grace Moretz (Patricia Hingle), Dakota Johnson (Susie Bannion), Tilda Swinton (Madame Blanc), Mia Goth (Sara) e Renée Soutendijk (Miss Huller). La fotografia è a cura di Sayombhu Mukdeeprom, mentre la colonna sonora è composta da Tom Yorke.