Taika Waititi aperto a dirigere un film di Star Wars purché sia nelle sue corde

Taikia Waititi afferma che sarebbe aperto alla regia di un film di Star Wars, purché non si tratti di un suicidio alla carriera.

A gennaio, alcuni rapporti indicavano che il regista di Jojo Rabbit era stato avvicinato dalla Lucasfilm per sviluppare un nuovo film di Star Wars. All’epoca, Waititi aveva già guadagnato molti elogi per il suo episodio di The Mandalorian, che combinava la sensibilità del suo amato marchio, umorismo e azione, in un pacchetto avvincente che ha portato alla conclusione della prima stagione della serie Disney +. CIò che è venuto fuori da quell’episodio e secondo molti Waititi sarebbe una buonissima scelta per un prossimo film di Star Wars.

Potrebbe benissimo succedere un giorno, ma non nell’immediato futuro. Waititi ha recentemente negato di essere in trattative per uno dei prossimi film di Star Wars, respingendo le voci nel suo modus esilarante. Anche se non tornerà nella galassia lontana, lontana molto presto, pare sarebbe comunque interessato all’opportunità se arrivasse il progetto giusto.

Parlando con Variety (via SR), Waititi ancora una volta ha smentito l’idea che si siano svolte conversazioni senza però negarsi la possibilità qualora in futuro un progettio potesse interessargli.

“Penso che le persone mi vedrebbero bene a divertirmi con altre persone, in particolare con Star Wars, e pensano che stia avendo alcune discussioni al riguardo. Mi piacerebbe molto… se fosse vero. Vorrei fare qualsiasi tipo di film se questo avesse senso e se non lo sentissi come un suicidio alla carriera.”

In precedenza, Waititi aveva discusso sul perché lui e Star Wars non sarebbero stati un buon mix, quindi questo rappresenta una sorta di cambio di tono per il regista. Forse la sua esperienza in The Mandalorian gli ha dato una nuova prospettiva, dimostrando che è possibile per un autore unico come lui salire a bordo e raccontare una bella storia di Star Wars.

Invece di scherzare sul come verrebbe licenziato entro una settimana dall’inizio della produzione (come è successo a Phil Lord, Chris Miller e Colin Trevorrow che hanno avuto i loro problemi con la Lucasfilm), Waititi è ora pronto per il gioco – purché abbia senso. E, naturalmente, vale la pena sottolineare che lo stesso vale per qualsiasi altro tipo di film.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: