The Batman: il supervisore del team di Wētā FX parla di come è stata fatta la scena dell’inseguimento

Dopo una lunga attesa, The Batman è ora ufficialmente disponibile per lo streaming. Il film acclamato dalla critica di Matt Reeves è stato amato da molti, soprattutto grazie alla sua nuova interpretazione del Crociato Incappucciato. Inoltre, il film include anche una delle sequenze più adrenaliniche mai viste in un cinecomic, in cui l’omonimo vigilante interpretato da Robert Pattinson insegue il Pinguino (Colin Farrell) per le strade di Gotham.

Il team del Wētā FX è stato responsabile della creazione della sequenza e di recente Comicbook ha avuto l’opportunità di incontrare il supervisore degli effetti visivi Anders Langland per parlare di come la scena ha preso vita. Tutto è iniziato con un set pratico costruito presso il Dunsfold Aerodome nel Regno Unito. Lì, hanno usato mezzo miglio di pista e l’hanno trasformata in un’autostrada su cui gli stuntman potevano guidare avanti e indietro.

Langland ha detto che sospetta che circa 50 veicoli siano stati utilizzati durante la sequenza per simulare il traffico su una vivace autostrada interstatale. Inoltre, sono stati creati modelli digitali sia per la Batmobile che per la Maserati guidata dall’iconico cattivo di Farrell.

“Verso la fine della sequenza diventa sempre più pesante in termini di limitazioni digitali, al punto che proprio alla fine ci sono un sacco di scatti che sono completamente fatto in CGI”, dice l’artista. “Perché abbiamo dovuto cambiare un po’ il flusso di ciò che stava succedendo in termini di velocità dell’inseguimento e posizioni dei veicoli, cercando di porli nel posto giusto come parte dell’azione, essenzialmente. Quindi, abbiamo dovuto costruire versioni digitali di tutto, e utilizzare un sacco di altre auto per riempire l’autostrada per farti sentire davvero come fosse un’autostrada piena.”

Gran parte dell’inseguimento è stato effettivamente completato nel pre-vis da Reeves, per via del suo desiderio di aver chiaro come sarebbe apparso alla fine. Per questo motivo, praticamente tutte le riprese che Wētā ha realizzato per il progetto sono arrivate nelle sale.

A un certo punto, doveva esserci un furgone per le consegne che esplodeva durante la sequenza. A causa della performance di Farrell nella scena, tuttavia, i realizzatori del film hanno deciso di alterare digitalmente il veicolo che è esploso, dando il tempo all’attore di fare la sua battuta invece di tagliarla.

“Quella ripresa [del camion che esplode] ha finito per essere molto più lunga di quanto originariamente previsto perché la ripresa della performance di Colin è stata così bella”, dice Langland. “L’attore dice: ‘Ti ho preso! Ti ho preso!’. E al regista è piaciuto così tanto che ha voluto tenere stretta la scena, quindi abbiamo dovuto aggiungere una seconda e una terza esplosione per mantenere il fuoco vivo abbastanza a lungo da permettere alla Batmobile di superarlo.”

Poi è arrivata la pioggia. Nonostante il Regno Unito sia tipicamente molto piovoso, la produzione ha dovuto mantenere la strada asciutta per gli stuntman coinvolti nella produzione. Ciò significa che tutta la pioggia notturna è stata aggiunta in post-produzione.

“Il tocco finale è stato l’aggiunta di piccoli schizzi d’impatto da dove le gocce di pioggia colpiscono il suolo, e il nostro team di compositing guidato da Beck Deig ha escogitato un bel modo per aggiungerli in modo relativamente economico. Un intero gruppo ci ha lavorato, scatto per scatto, in modo da poter aggiungere la pioggia alla scena per mantenere l’illusione”, dice Langland della tempesta. “E tutte queste cose insieme ci hanno portato ad un punto in cui sembrava abbastanza umido per quello che Matt cercava in termini di senso del pericolo.”

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: