The Batman: Matt Reeves vuole che il suo film si distingua dai precedenti adattamenti

Con la produzione di The Batman chiusa, il regista Matt Reeves ha molto più tempo libero a disposizione mentre attende che la quarantena del coronavirus finisca.

Ciò offre quindi al regista l’opportunità di entrare in contatto con i fan e rivelare nuovi dettagli sulla sua versione unica del Crociato Incappucciato in vista della sua (fino ad oggi) data di rilascio del giugno del 2021. Reeves ha il compito scoraggiante di adottare un approccio unico al nuovo Batman cinematografico dopo che il personaggio è apparso in tre diverse iterazioni sul grande schermo con cinque attori nel ruolo.

Ma Reeves non avrebbe accettato la sfida se non avesse avuto un nuovo approccio, e il regista ha recentemente parlato con Rosie Knight di Nerdist sull’importanza di distinguere The Batman dalle altre interpretazioni del personaggio.

“Ho pensato ‘beh, ci sono stati alcuni fantastici film di Batman’, e non voglio far parte di una lunga serie di film in cui questo è solo un altro dei tanti”, ha spiegato Reeves. “Sento che sono stati davvero distintivi. I migliori sono stati incredibili. Ciò che Nolan ha fatto è stato incredibile. Quello che Tim Burton ha fatto è stato davvero singolare.”

Reeves capisce che è difficile compararsi a ciò che è stato fatto prima, specialmente quando si tratta del film pluripremiato di Christopher Nolan, Il Cavaliere Oscuro, e dell’approccio di Heath Ledger al Joker.

“Il Cavaliere Oscuro è così incredibile e penso che la performance di Heath Ledger e la loro concezione del Joker in quel film siano immortali. E la battaglia con cui ha combattuto, sai, con Batman / Bruce è incredibile”, ha continuato Reeves. “Ma la cosa che ti toglie il fiato più di ogni altra cosa è il concept, in particolare, del Joker. Quel film parla tanto di come sia orribile guardare nell’abisso, quell’idea di nichilismo. Tutta l’idea che non potevi fare nulla perché anche nella sua distruzione, stavi soddisfacendo i suoi obiettivi. E’ stato un rimando terrificante che parla di un aspetto della natura umana, davvero profondo.”

La storia già narrata è parte del motivo che ha portato lo stile di Reeves a Batman, e con questo in mente il regista ha spiegato che voleva esplorare una versione del personaggio che non è stata ancora interpretata.

“Quello che mi piacerebbe fare è una versione di questo personaggio di Batman non ancora pienamente formata. C’è qualcosa ancora da fare per costruire quello che questa persona sarebbe nel mondo di oggi, per contestualizzarlo bene, nelle sue sofferenze. Perché alla fine della storia quest’uomo fa tutto questo per affrontare un trauma del suo passato.”

The Batman uscirà nelle sale statunitensi il 25 giugno 2021, per la regia di Matt Reeves, su una sceneggiatura di Mattson Tomlin e dello stesso Reeves, e con Dylan Clark e Matt Reeves come produttori.

La fotografia è a cura di Greig Fraser, mentre la colonna sonora sarà composta da Michael Giacchino.

Nel cast Robert Pattinson (Bruce Wayne / Batman), Zoë Kravitz (Selina Kyle / Catwoman), Colin Farrell (Oswald Cobblepot / Pinguino), Paul Dano (Edward Nashton / Enigmista), Andy Serkis (Alfred Pennyworth), Peter Sarsgaard (Gil Colson), Jeffrey Wright (Commissario Jim Gordon) e John Turturro (Carmine Falcone).

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: