The Boys 2: Eric Kripke si dice frustrato per il review bombing contro lo spettacolo

Lo showrunner di The Boys, Eric Kripke, ha respinto la reazione dei fan che stanno facendo review bombing contro lo spettacolo.

Leggi anche: la serie vittima del review bombing a causa del metodo di rilascio delle puntate

Come sapete, la seconda stagione di The Boys ha debuttato su Amazon Prime all’inizio di questo mese, tuttavia il formato di rilascio degli episodi ha fatto arrabbiare molti fan. La scorsa stagione, The Boys ha rilasciato tutti gli episodi in un blocco unico, mentre questa volta ha cambiato tattica; i primi tre episodi sono stati rilasciati insieme il 4 settembre, ma per i prossimi i fan dovranno aspettare ogni venerdì per guardare l’episodio successivo.

Di conseguenza, gli spettatori non potranno vedere la stagione completa fino al 9 ottobre. Questo formato ha fatto infuriare i fan, che hanno iniziato a bombardare lo spettacolo con “recensioni negative”, valutazioni di una stella e altre espressioni da bambini di tre anni a cui non hanno dato subito il giocattolo che volevano.

Lo showrunner Eric Kripke ha parlato di questo contraccolpo in un’intervista a The Wrap. Per iniziare, dice che capisce che i fan sono “delusi” dal programma di rilascio, anche se ha difeso il team promozionale dello show dicendo che hanno fatto tutto il possibile per annunciare il cambiamento in anticipo. Kripke dice che avrebbe messo insegne al neon per informare circa il nuovo formato di rilascio, se avesse avuto la possibilità di un ripensamento.

Tuttavia, Kripke sottolinea che la decisione di abbandonare il rilascio a episodio settimanale non è “una presa di posizione dell’azienza, Amazon”, ma anzi, una “scelta creativa” e una decisione distinta che i produttori hanno preso, al fine di aiutare a “rallentare” la fruizione dello spettacolo e consentire agli spettatori di elaborarlo, digerirlo e parlarne.

Detto questo, Kripke dice di aver notato il review bombing e si è detto frustrato dalla cosa, per non dire altro, ribadendo quanto “non fa sentire bene le persone che fanno lo spettacolo”. In quanto tale, mentre i fan potrebbero ancora essere indignati dal fatto che non saranno in grado di abbuffarsi di The Boys tutto in un fine settimana, sembra che il formato settimanale sia una chiara decisione creativa che i produttori hanno assunto.

Mentre gli spettatori possono rimanere infastiditi, forse è il momento di prendere fiato e semplicemente godersi lo spettacolo così com’è, invece da comportarsi come bambini di tre anni a cui non hanno dato subito il giocattolo che volevano.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: