The Boys 3: Karen Fukuhara parla della bizzarra sequenza d’azione del quarto episodio

Karen Fukuhara si è divertita molto nella sequenza d’azione nel quarto episodio della terza stagione di The Boys. È solo che la scena in questione riguardava dei dildo.

In “Glorious Five Year Plan”, la crew dei Boys è in missione in Russia per rintracciare BCL Red, che credono sia l’arma che ha ucciso l’eroe americano Soldier Boy (Jensen Ackles) anni prima. Sperano che sia abbastanza forte da sconfiggere l’apparentemente invincibile Patriota (Antony Starr). Ma prima devono fare una deviazione.

La mafiosa russa Little Nina (Katia Winter) conosce l’ubicazione di BCL Red, ma se i Boys vogliono le informazioni, dovranno fare qualcosa per lei: assassinare un oligarca russo. La Kimiko di Fukuhara è costretta a fingere di essere una prostituta e infiltrarsi nella villa di quest’uomo, dove rivela la sua scorta di preziosi dildo, ognuno ispirato a un membro dei Sette. Quei giocattoli sessuali diventano quindi i suoi strumenti di morte poiché Kimiko li usa per uccidere l’oligarca ei suoi uomini.

“La sequenza dei dildo è stata la più divertente che abbia mai avuto modo di fare nel campo delle sequenze d’azione, non solo perché è ridicola. Come spettatore è pazzesca”, dice Fukuhara di quel momento nell’ultimo episodio della serie On Set di EW. “Voglio dire, non penso che sia mai stato fatto nella storia della televisione. E allo stesso tempo, dovevamo fare molte prove.”

Fukuhara ha iniziato a provare la scena con il coordinatore degli stuntman John Koyama settimane, forse anche mesi prima dell’episodio, per far in modo di rientrare bene nei ritmi. L’idea era che i dildo fossero trattati come bastoni kali, che sono usati nelle arti marziali filippine.

“È divertente perché sono dei dildo, ma allo stesso tempo dobbiamo essere molto precisi con tutte le mosse”, dice Fukuhara. “Quando abbiamo iniziato a girare, conoscevo la coreografia così bene che avremmo potuto cambiare le cose durante la giornata, infatti poi sono stati aggiunti dei cavi per uno stunt in cui mi arrampico sopra un ragazzo.”

Ammette che ci sono state delle ferite sul set, in particolare quando ha colpito accidentalmente uno stuntman alla testa con un dildo. Lo showrunner Eric Kripke ha seguito l’evoluzione della scena del dildo dal concepimento all’esecuzione.

“È iniziato con il fatto che volevamo che Kimiko avesse un successo, perché ciò con cui sta davvero lottando è questa violenza che è costretta a commettere più e più volte, e il costo che sta sopportando sulla sua anima”, spiega. “Semplicemente non vuole essere un’arma. E poi all’ultimo minuto, ci siamo detti: ‘OK, beh, come facciamo a renderla folle?”

La produttrice esecutiva Meredith Glynn, che ha scritto l’episodio, ha lanciato l’idea dei dildo e poi il maestro degli oggetti di scena ha inventato l’aspetto di ciascuno dei quei giocattoli sessuali a tema Seven: “È ridicolo che Amazon non li venda. Davvero, ridicolo”, dice Kripke in quel suo modo in cui non sai del tutto se è serio o meno.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: