The Boys: Eric Kripke si scaglia contro la mentalità da network nello sviluppare serie tv

Prime Video ha recentemente concluso la terza stagione della sua serie di successo, The Boys, e ha sicuramente fatto cose rivoluzionarie per il genere dei supereroi.

La serie è diretta dallo showrunner Eric Kripke e lui fa un ottimo lavoro nel portare i supereroi nella televisione serializzata, il che è un grande cambio rispetto all’idea dei Marvel Studios di realizzare le loro serie di film da 6 ore.

Kripke sembra essere totalmente contrario all’idea di trasformare una serie in una versione lunga di un film. Durante una recente intervista con Vulture, il creatore di The Boys ha rivelato il suo disprezzo per il concept.

“Senti, adoro lo streaming. Non voglio tornare ai network. Quello che amo di più è la capacità di fare due cose: scrivere la maggior parte delle sceneggiature prima di girare anche solo un giorno, e poi finire tutti gli episodi prima di girare mandarli in onda”, ha detto Kripke. “Ci sono vantaggi logistici a cui sarebbe impossibile rinunciare, perché puoi raccontare qualcosa di coerente in un modo che semplicemente non puoi fare con la TV analogica. È già andato in onda, l’hai buttato fuori dalla porta. Hai finito. Succede sempre: siamo nel bel mezzo delle riprese dell’episodio sette e ci rendiamo conto che c’è una trama diversa di cui abbiamo bisogno. Abbiamo ancora tempo per tornare indietro e girarla.

Il problema viene da chi si approccia allo streaming ma non è necessariamente uscito dalla mentalità da network. Sono più a loro agio con l’idea che potrebbero darti dieci ore in cui non succede nulla, fino all’ottava ora. E’ una cosa che mi fa impazzire. Come ex-persona da network, che ha dovuto interessarsi alla gente per 22 fottute ore all’anno, non ho avuto il vantaggio di sentir dire: ‘Oh, resisti e non preoccuparti. I critici ti diranno che nell’episodio otto, tutto ha davvero fatto centro’.

Non sopporto quando dicono: ‘Beh, quello che sto davvero facendo è un film di dieci ore’. Vaffanculo! No, non lo stai facendo! Fai un programma TV. Sei nel mondo dello spettacolo.”

Basata sull’omonima graphic novel di Garth Ennis e Darick Robertson, la serie è ambientata in un mondo in cui i supereroi esistono, ma usano i loro superpoteri per vivere vite corrotte e agire come celebrità, la maggior parte delle quali è coperta da una corporazione, la Vought.

The Boys è incentrato sull’ex SAS Billy Butcher mentre assembla una squadra di individui senza poteri per abbattere i “Supes” corrotti ed esporre la verità al mondo.

Karl Urban e Jack Quaid guidano il cast di The Boys insieme a Laz Alonso, Tomer Capon, Karen Fukuhara, Antony Starr, Erin Moriarty, Dominique McElligott, Chace Crawford, Jessie T. Usher e Nathan Mitchell. Sviluppata dal creatore di Supernatural, Eric Kripke, la serie è stata un successo nelle sue prime due stagioni per Amazon Prime Video e ha ottenuto valutazioni costantemente elevate per la piattaforma di streaming, tanto che questi hanno portato Amazon a fare piani per più spin-off, attualmente in lavorazione.

La terza stagione ha debuttato su Prime Video il 3 giugno del 2022.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: