The Last of Us Parte II: il creatore di Chernobyl offre la sua opinione sul gioco

The Last of Us Parte II è ufficialmente uscito su PlayStation 4 a partire da venerdì scorso, e persone in tutto il mondo hanno trascorso il fine settimana portando Ellie per tutta Seattle, ma hanno anche avuto il tempo di fare cose come chiedere allo scrittore e produttore della serie HBO di The Last of Us, Craig Mazin (Chernobyl) cosa pensasse del sequel.

Leggi anche: Bend Studios, Sucker Punch e Media Molecule celebrano il successo del titolo

In quella che probabilmente non sarà una rivelazione scioccante per nessuno, Mazin è un grande fan.

“È uno dei migliori giochi a cui abbia mai giocato, sono al mio secondo playthrough ora, ed è ancora più gratificante questa volta”, ha detto Mazin su Twitter nel fine settimana. “Un risultato notevole in termini di narrativa, personaggi e temi.”

Puoi dare un’occhiata al suo tweet qui sotto:

Cinque anni dopo… Dopo un pericoloso viaggio attraverso gli Stati Uniti flagellati dalla pandemia, Ellie e Joel si stabiliscono in Wyoming. La vita in comunità garantisce loro una nuova stabilità, nonostante la costante minaccia degli infetti e dei sopravvissuti più disperati. Ma quando un inatteso evento compromette quegli equilibri, Ellie decide di intraprendere un nuovo viaggio. Questa volta per ottenere giustizia. La caccia ai responsabili, tuttavia, le riserverà strazianti ripercussioni fisiche ed emozionali.

The Last of Us Part II è un videogioco survival con elementi action e stealth e sfumature horror ambientato in un mondo chiuso. Il giocatore può usare armi da fuoco e armi improvvisate per difendersi contro gli esseri umani ostili, i cannibali o creature infettate dal Cordyceps. La modalità di gioco, riprende e perfeziona quella vista nel precedente titolo. Quando il giocatore controlla il personaggio giocante (Ellie), potrà muoversi liberamente all’interno dell’ambiente di gioco, saltando e scalando da un punto all’altro. Il giocatore può strisciare per terra in posizione prona per fuggire dai nemici, senza farsi sentire. Nel gioco, il giocatore potrà farsi assistere da un personaggio non giocante. Alcuni eventi nel gioco sono ambientati a Portland e Seattle.

L’uscita di The Last of Us Part II, inizialmente prevista il 21 febbraio 2020, era stata rimandata a data da destinarsi a causa della pandemia di COVID-19. Con un annuncio a sorpresa su PlayStation Blog, Sony, il 27 aprile 2020, ha confermato che l’uscita del gioco era prevista per il 19 giugno dello stesso anno

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: