The Mandalorian 2: il capitolo 13 svela il passato e il vero nome di Baby Yoda

Il vero nome e la storia delle origini de Il bambino, alias Baby Yoda, sono stati rivelati nel Capitolo 13 di The Mandalorian, intitolato in lingua originale come “The Jedi”.

Nell’episodio scritto e diretto da Dave Filoni, il cacciatore di taglie Din Djarin (Pedro Pascal) continua la sua ricerca per dare al trovatello sensibile alla Forza qualcuno che possa aiutarlo, un Jedi. Dopo aver aiutato un trio di Mandaloriani guidati da Bo-Katan Kryze (Katee Sackhoff) a dirottare una nave imperiale nel Capitolo 11, Bo-Katan ha premiato Din con un suggerimento su un Jedi situato nella città di Calodan sul pianeta Corvus. Là Mando e Baby Yoda hanno trovato Ahsoka Tano, interpretata da Rosario Dawson, ex-Padawan del Jedi caduto Anakin Skywalker.

Quando Ahsoka forma una connessione di Forza con il Bambino nella foresta bruciata di Corvus, dice che può capirlo “in un certo senso”.

“Grogu e io possiamo sentire i pensieri l’uno dell’altro”, dice Ahsoka a Din, rivelando che il 50enne Grogu è cresciuto al Tempio Jedi su Coruscant, dove ha ricevuto addestramento da molti Maestri Jedi. “Alla fine delle Guerre dei Cloni, quando l’Impero salì al potere, era nascosto. Qualcuno lo ha portato via dal Tempio. Poi la sua memoria diventa… oscura. Sembrava perso. Solo.”

Ahsoka dice a Din che conosce solo un’altra persona come Grogu: un saggio Maestro Jedi di nome Yoda, nato dalla stessa specie del trovatello di Din. Quando Din dice di aver visto Grogu fare l’inspiegabile, Ahsoka insegna al Mandaloriano la fonte dei poteri di Grogu: un campo energetico creato da tutti gli esseri viventi, esercitato solo da coloro che hanno una grande quantità di addestramento e disciplina. Il compito di Din era portare il Bambino da un Jedi, ma l’Ordine Jedi è caduto molto tempo prima.

“Così ha fatto l’Impero, eppure continua a dargli la caccia”, ribatte Din. “Ha bisogno del tuo aiuto.” Ma il forte attaccamento di Grogu a Din lo rende vulnerabile alle sue paure e alla sua rabbia, rendendolo un padawan inadatto.

“Ho visto cosa possono fare questi sentimenti a un Cavaliere Jedi completamente addestrato. Il migliore di noi,” gli dice Ahsoka. “Non inizierò questo bambino a quel percorso. Meglio lasciare che le sue capacità svaniscano.”

Il cacciatore di taglie rivela che Morgan Elsbeth (Diana Lee Inosanto) – una predatrice e magistrato di Caldano – gli ha offerto una staffa fatta di puro beskar rintracciare e uccidere Ahsoka, che è alla ricerca di un personaggio noto che ancora deve apparire in live-action. “Non ero d’accordo su nulla”, dice Din, “e ti aiuterò con il tuo problema se farai in modo che Grogu sia adeguatamente addestrato”. Quando Ahsoka rinuncia all’accordo, riaffermando che non può addestrare Grogu, dà a Din la sua prossima missione che lo indirizza sul pianeta Tython, nel Deep Core della galassia.

“Lì troverai le antiche rovine di un tempio che ha un forte legame con la Forza. Posiziona Grogu sulla pietra che vede in cima alla montagna. Li Grogu potrà scegliere il suo percorso. Se si collegherà con la Forza, c’è un possibilità che un Jedi possa percepire la sua presenza e venire a cercarlo”, dice Ahsoka, aggiungendo:” D’altra parte, non sono rimasti molti Jedi”.

Qui sotto alcuni screen della Ahsoka Tano di Rosario Dawson:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: