The Mandalorian 2: la serie ha citato un elemento particolarmente odiato proveniente dalla trilogia prequel

Nel corso della sua prima stagione e mezzo, l’acclamata serie The Mandalorian ha riportato in scena alcuni dei frammenti di lore più amati – e alcuni dei più oscuri – dai fan.

Le navi che sono state create solo per essere venduti giocattoli e droidi unici che sono stati fatti saltare in aria senza tante cerimonie nella trilogia originale, hanno avuto uno scopo in questa nuova serie, unendo frammenti da tutti gli angoli della storia di Star Wars. A quanto pare, non c’è nulla di off-limits per Jon Favreau, Dave Filoni e il team dietro The Mandalorian.

I due creativi hanno chiarito nell’episodio di questa settimana che sono disposti a includere anche gli elementi più odiati dei precedenti film di Star Wars, visto che è tornato un elemento in particolare davvero molto odiato da tanti.

ATTENZIONE: questo articolo contiene spoiler.

Ricordate i midi-chlorian? In Star Wars: La Minaccia Fantasma, Qui-Gon Jinn mette alla prova il sangue del giovane Anakin Skywalker dopo che si sono incontrati per la prima volta su Tatooine, al fine di ottenere un conteggio dei suoi midi-chlorian. Qui-Gon descrive i midi-chlorian come forme di vita microscopiche che vivono all’interno delle cellule di ogni essere vivente, e un conteggio di midi-chlorian più alto significava una connessione più forte con la Forza. Ovviamente, il conteggio di Anakin era “oltre 20.000”, anche più del maestro Yoda.

Questo elemento è stato introdotto ed ha rapidamente attirato critiche da tutti gli angoli del fandom di Star Wars, perché ha reso la connessione con la Forza molto meno interessante o spirituale. Indipendentemente da ciò, nonostante l’odio per i midi-chlorian sia continuato a crescere nel corso degli anni, The Mandalorian ha trovato un modo per includerli.

Durante il nuovo episodio di oggi, “L’Assedio“, Mando si riunisce con Greef Carga e Cara Dune per far fuori una vecchia base imperiale su Navarro. Si rendono presto conto, tuttavia, che la struttura non viene utilizzata come base, ma piuttosto come struttura scientifica. Un ologramma del Dr. Pershing, lo scienziato che ha lavorato con il Cliente nella prima stagione, ha rivelato che stava lavorando con campioni di sangue prelevati dal bambino, alias Baby Yoda. Durante la riproduzione dell’ologramma, i personaggi hanno notato serbatoi con all’interno dei corpi umanoidi.

Come previsto, il dottor Pershing è collegato al processo di clonazione e sta usando il sangue di Baby Yoda per migliorare le sue creazioni, probabilmente dando loro poteri aggiuntivi. Quando ha spiegato che aveva solo un piccolo campione del sangue di Baby Yoda, Pershing ha detto che non pensava che avrebbero “trovato un donatore con un conteggio M più alto”. Sta parlando, ovviamente, dell’alta concentrazione di midi-chlorian nel sangue di Baby Yoda.

Non sappiamo di preciso per cosa questa ricerca serva, ma abbiamo visto la puntata terminare con Moff Gideon intento ad ammirare la costruzione di un esercito di Death Trooper, ed alcune speculazioni hanno associato la cosa alla tecnologia di clonazione e ai midi-chlorian. I midi-chlorian sono improvvisamente tornati nel mondo di Star Wars e stanno per essere più rilevanti che mai, probabilmente perché verranno utilizzati per creare soldati potenziati, o forse avranno un ruolo importante in una sotto trama incentrata sul dare una spiegazione al ritorno di Palpatine.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: