The Mandalorian: Jon Favreau riguardo un mucchio di dettagli sulla serie Disney +

Il mandaloriano entra furtivamente nella sua safe house. Due stormtrooper fanno la guardia. I soldati sono diventati mercenari freelance da quando l’Impero è crollato, la loro armatura un tempo incontaminata ora è sporca di terra. Il cacciatore di taglie si insinua dietro di loro e spara col suo fulminatore. A quanto pare è il mandaloriano a sparare per primo, e lo fa alle spalle. Questo è il mondo brutale e senza legge di questa nuova serie Disney + ambientata nell’universo di Star Wars – che porta per la prima volta una galassia molto, molto lontana sul piccolo schermo con una serie live-action.

Lo show è ambientato dopo la caduta dell’Impero Galattico ne Il Ritorno dello Jedi, ma prima degli eventi de Il Risveglio della Forza. Per ora, il caos regna in tutto l’universo, specialmente nelle zone più esterne della galassia dove un cacciatore di taglie mandaloriano insegue la sua preda per soldi che appaiono sempre meno.

“È come dopo la caduta dell’Impero Romano, o quando non si ha uno shogun che centralizza il Giappone – e naturalmente il Vecchio West, quando non c’era nessun governo nelle vaste aree che non era ancora state insediate”, ha detto lo showrunner Jon Favreau, che guida la serie insieme al produttore di serie animate di lunga data di Star Wars, Dave Filoni. “Queste sono anche le ispirazioni cinematografiche che originariamente hanno ispirato George Lucas a fare Star Wars.”

In effetti, l’ispirazione più chiara per The Mandalorian è il primo atto de Una Nuova Speranza, che ha chiaramente tratto ispirazione dai film western per quanto riguarda l’ambientazione, anche se nello spazio. Creature esotiche, contrabbandieri, soldati e cacciatori di taglie che conducono vite difficili in un territorio di fuorilegge e canaglie. Aspettatevi che il mandaloriano viaggi di sistema in sistema in una storia molto “polverosa” senza alcuna grande eredità portata dai personaggi più famosi, almeno, non nella prima stagione.

“Sono sempre stato curioso di sapere cosa fanno gli altri nella cantina”, dice Favreau. “Stiamo scavando molto in profondità nella cassa dei giochi e tirando fuori le action-figure verso cui le persone hanno sempre espresso curiosità, e che non erano proprio al centro delle scene. Quelle che hanno un sacco di potenziale.”

A prima vista, il personaggio principale di The Mandalorian è solo Boba Fett con un altro nome. Ma per gli esperti di Star Wars sarà facile capire che le cose non stanno così. Dopotutto Boba Fett, nonostante quell’armatura, non era in realtà un mandaloriano, era un clone che si era appropriato culturalmente del look.

“A differenza di Boba, sta operando in un paesaggio molto più spietato in cui la sopravvivenza è abbastanza difficile, figuriamoci fiorente”, ha aggiunto Favreau. Inoltre, per come recita la star Pedro Pascal, il mandaloriano preferirebbe fare la cosa giusta, “ma i suoi doveri potrebbero essere in conflitto con ciò – e fare la cosa giusta ha molte sfaccettature”.

A proposito di volti, non aspettatevi di vedere quello di Pascal molto spesso, per via del fatto che il manalorian protagonista terrà l’iconico elmo per molto tempo. Centrare una serie TV su un personaggio oscurato da una maschera è forse la mossa più audace dello show, ma se qualcuno riesce a far funzionare la premessa è Favreau, che ha anche diretto un piccolo film in maschera chiamato Iron Man. Assistito dal grande talento di Pascal, insieme alle scelte espressive nel lavoro, nel montaggio e nella messa in scena, Favreau riesce a infondere al personaggio una sorprendente quantità di personalità.

“La cosa straordinaria è quando vedi l’intera prima stagione ti rendi conto di quanto sia coinvolgente il personaggio”, dice Favreau. “È incredibile quanti personaggi di Star Wars siano emotivamente coinvolgenti senza nemmeno essere antropomorfi. R2-D2 è il mio personaggio preferito e ha a malapena un occhio.”

A completare il cast di The Mandalorian ci sono Gina Carano di Haywire nei panni di Cara Dune, un soldato ribelle trasformato in mercenario, e Carl Weathers di Rocky nei panni di Greef Carga, il leader di una gilda di cacciatori di taglie.

“Nel mondo di Star Wars, ti ritrovi a camminare in un modo diverso, ti comporti in modo diverso, ti relazioni con ciò che ti circonda in modo diverso, perché non è un mondo contemporaneo”, ha osservato Weathers.

Ma probabilmente, il più potente del cast è Giancarlo Esposito di Breaking Bad nei panni di Moff Gideon, un ex-governatore sotto l’Impero Galattico il cui mondo è crollato quando quella fastidiosa feccia ribelle ha fatto esplodere la seconda Morte Nera.

“È un residuo imperiale di un ottimo ufficiale che poi passa a diventare una sorta di guardiano del popolo”, dice Esposito, che ha avuto il suo momento da geek di Star Wars quando è riuscito a salire su un caccia TIE. “Ma cosa vuole veramente Moff Gideon? Questo personaggio sarà un grande giocatore nella scacchiera perché ha forte un’idea di come fare a mantenere l’ordine.”

Ed infine, dalle informazioni trapelate dal numero dedicato di EW, il periodo in cui è ambientata la serie aiuterà a caratterizzare la storia d’origine del Primo Ordine, ancora misteriosa. Il team di The Mandalorian prevede di esplorare in definitiva quelle radici. In effetti, riempire la mitologia di Star Wars con nuovi contenuti canonici attraverso una serie TV è una specialità del produttore Filoni, che è diventato il narratore più prolifico dell’universo di Star Wars dopo aver realizzato centinaia di episodi animati di The Clone Wars.

Qui sotto potete vedere Gina Carano, Pedro Pascal e l’attrice nativa americana Julia Jones:

Qui la sinossi: Dopo le storie di Jango e Boba Fett, un altro guerriero emerge nell’universo di Star Wars. The Mandalorian è ambientato dopo la caduta dell’Impero e prima dell’emergere del Primo Ordine. Seguiamo il travaglio di un pistolero solitario nella parte esterna della galassia, lontana lontana.

The Mandalorian è una serie live-action targata Disney, creata, scritta e prodotta da Jon Favreau. La prima stagione sarà composta da otto episodi, che verranno diretti da Taika Waiti, Dave Filoni, Bryce Dallas Howard, Deborah Chow e Rick Famuyiwa, con una sceneggiatura di Jon Favreau e George Lucas, e con Kathleen Kennedy come produttrice. La fotografia è a cura di Barry Idoine, mentre la colonna sonora è composta da Ludwig Göransson.

Nel cast Pedro Pascal (il Mandaloriano), Carl Weathers (Greef Carga), Gina Carano (Cara Dune), Giancarlo Esposito, Werner Herzorg, Emily Swallow, Taika Waititi e Nick Nolte.

Il primo episodio della serie sarà disponibile sulla piattaforma streaming Disney+ quando verrà lanciata verso la fine dell’anno.