The Mandalorian: Pedro Pascal parla dell’ispirazione western


The Mandalorian attraversa un paesaggio brullo verso un solitario “buco per bere”, i suoi stivali tintinnano come gli speroni di un cowboy mentre cammina.

All’interno, fracassa rapidamente un gruppo di vagabondi con i suoi pugni e un fulminatore, facendo roteare l’arma come un pistolero che può sparare più velocemente della sua stessa ombra.

Star Wars è sempre stato una space-opera con tocchi di western, ma probabilmente nulla al mondo creato da George Lucas si spinge tanto nel genere di Sergio Leone e John Ford della nuova serie Disney +, The Mandalorian.

“Penso che George Lucas abbia giocato con le sfumature occidentali nel primo film, Episodio IV, e ora stanno prendendo dei suggerimenti da quel tono e lo infondono con gli steroidi”, ha detto Pedro Pascal a Variety.

Il personaggio titolare, che Pascal descrive come Clint Eastwood-escom, è un uomo di poche parole – così poche in effetti che Pascal è dovuto tornare ai suoi giorni di scuola di recitazione per trasmettere le emozioni del personaggio semplicemente con postura e gesti.

Aggiungete a ciò il fatto che il volto del mandaloriano è quasi permanentemente nascosto dietro un elmo, e interpretare il ruolo non è certo stato un facile giro di corsa per Pascal.

“A causa di Game of Thrones, sono stato invitato a far parte di questi grandi film con set in Cina e a Londra, luoghi folli, e senza diminuire gli sforzi di nessuna delle mie precedenti esperienze, posso dire sinceramente che questo lo sta portando al livello più alto per me in termini di costruzione del mondo e attenzione ai dettagli sui costumi, sulle creature, sui robot, sul mondo intero”, afferma. “A volte sembra che niente sia lasciato a caso in termini di ciò che c’è.”

Fonte