The Suicide Squad: James Gunn si è riappacificato con la Marvel un giorno dopo essersi unito alla DC

James Gunn ha scoperto che sarebbe stato in grado di tornare per Guardiani della Galassia Vol. 3 un giorno dopo essersi già segnato per dirigere The Suicide Squad per la DC, stando a quanto detto a Empire.

Il regista è stato estromesso brevemente dalla Marvel nell’estate del 2018 dopo che tweet su battute offensive ormai vecchie hanno causato una tempesta online, con il presidente dei Walt Disney Studios, Alan Horn, che ha affermato che erano “indifendibili e incoerenti con i valori del nostro studio”.

Con il suo futuro alla Marvel tagliato corto, Gunn ha iniziato i colloqui con la DC, che gli offri letteralmente qualsiasi cosa volesse, e raccolse la Suicide Squad dalle mani di David Ayer, anche se Disney poi ha reintegrato Gunn nel MCU a seguito di sentite scuse per i suoi vecchi post sui social media.

In un’esclusiva mondiale per il numero di Empire con la copertina dedicata a The Suicide Squad, Gunn ha rilasciato un’intervista circa il suo film DC, ma soprattutto ha riflettuto sul contatto con la Disney e la Marvel. Come sappiamo, tutto è andato a finire bene per il regista, ma ci sono state comunque delle conversazioni imbarazzanti con il suo ex studio.

“È stato un lieto fine, ma è stato anche spaventoso, perché in realtà ho ricevuto la telefonata da Alan Horn molto prima che fosse annunciato: è successo letteralmente il giorno dopo che ho accettato di fare The Suicide Squad”, dice Gunn.

Dopo aver ascoltato Horn, Gunn sapeva che doveva aggiornare il capo del MCU, Kevin Feige, sul suo prossimo progetto – che, quando gli è stato detto che si trattava di un film DC, ha chiesto: “È Superman?“, Gunn ha quindi dichiarato che non era Superman, anche se c’è stata una possibilità, e ha spiegato di aver scelto The Suicide Squad. La reazione di Feige, sorprendentemente fu un semplice: “Per favore, per favore, fai un bel film. Basta… che fai un bel film“. Mentre Marvel e DC sono sempre state rivali – le “Big Two” – nell’industria dei fumetti, Gunn non ha dovuto tenere segreto il suo progetto ai suoi amici del MCU.

“Kevin sapeva chi sarebbe comparso in The Suicide Squad per mesi prima che li rivelassimo al DC FanDome”, dice. “Sa pure chi è il cattivo. Penso che sia abbastanza affidabile con il suo accordo di non divulgazione!”

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: