The Witcher 2: una scena eliminata e alcuni dettagli circa i cambiamenti nell’adattamento

Attenzione spoiler sulla seconda stagione di The Witcher

Durante un nuovo speciale online chiamato The Witcher: Unlocked, ci sono state presentate le risposte a molte delle nostre domande scottanti sulla Stagione 2, fornite da Henry Cavill, Anya Chalotra, Freya Allan, Kim Bodnia, Paul Bullion, Yasen Atour e dalla showrunner Lauren. Hissrich.

L’evento ha anche rivelato due scene eliminate dalla seconda stagione di The Witcher. La prima è molto breve con Geralt e Triss dall’episodio 5 della stagione 2, dopo che Triss e Ciri sono usciti da Dol Durzsa, la sequenza piena di visioni.

La seconda scena ha visto protagonisti Stregobor e Vilgefortz. Lauren Lauren ha spiegato l’eliminazione di questa scena in una precedente intervista:

“Per me, la storia di Vilgefortz, chi è in questo mondo – arriva quasi come fosse un perfetto sconosciuto e tutti si chiedono quale sia la sua storia, da dove venga. Ciò si concretizza in modo enorme nella terza stagione, quindi questa è una scena che volevamo togliere.”

Durante The Witcher: Unlocked, la showrunner Lauren Hissrich ha discusso anche degli scioccanti colpi di scena della seconda stagione. Forse il punto della trama più dibattuto nella seconda stagione riguarda il fratello strigo di Geralt, Eskel, interpretato da Basil Eidenbenz. Naturalmente ci saranno spoiler per la Stagione 2 in questo articolo, quindi se non avete ancora visto il secondo episodio della nuova stagione, vi suggeriamo di leggerlo in un secondo momento.

Felicia Day, la conduttrice del panel Unlocked, ha affrontato la controversia quando è arrivata la showrunner, facendo eco alla domanda che molti fan dei witcher si sono posti in tutto il mondo: “Grazie per aver introdotto così tanti nuovi witcher nell’universo solo per ucciderli brutalmente pocodopo. È stato fantastico. Perchè lo hai fatto?“.

“Voglio dire, gran parte della stagione 2 parla del fatto che… la confraternita dei Witcher è finita?”, ha spiegato la showrunner Lauren Hissrich. “Questo è davvero ciò con cui il personaggio di Vesemir ha a che fare per tutta la stagione, è questo senso emotivo di: ‘Questa è la fine della vita come la conosciamo per i witcher?’. Quindi, ovviamente, abbiamo dovuto ucciderne di più. Abbiamo dovuto rendere il tutto più doloroso per lui.”

La host ha quindi chiesto della morte di Eskel presente nell’episodio due, e la showrunner ha risposto che “sapevamo di dover uccidere qualcuno in quell’episodio“.

“Sapevamo che volevamo che un mostro entrasse a Kaer Morhen e avesse qualcosa a che fare con Ciri, e sia Geralt che Vesemir e i fratelli si rendessero conto che portare questa ragazza nella loro fortezza da Witcher ha cambiato radicalmente le cose. […] nella primissima versione della sceneggiatura che abbiamo scritto era un nuovissimo witcher che non avevamo mai incontrato prima a morire, uno di cui non avevamo mai sentito parlare, e all’improvviso abbiamo pensato: ‘Oh, il nostro pubblico incontrerà Coen e Lambert ed Eskel e, sai, John. E chi morirà? John sta per morire.

Quindi ci abbiamo pensato molto e so che ci sono fan che amano Eskel e che pensano, perché l’avete ucciso? Ma, onestamente, la sua morte è ciò che cambia tutto per Geralt e penso che spinga il bisogno di Geralt di capire cosa sta succedendo con Ciri, gli fa comprendere che deve pure farlo in fretta, perché sa che correrà il rischio di perdere lei e i suoi fratelli. Volevamo davvero motivare quel viaggio del personaggio per lui.”

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: