The Witcher: Andrjez Sapkowski afferma che potrebbe essere un capolavoro

L’autore e creatore di The Witcher, Andrjez Sapkowski, non ha visto un solo secondo del prossimo adattamento di Netflix della serie che ha creato, ma ha visto il nuovo trailer dello show, e chiaramente ha lasciato un’impressione.

Leggi anche: ecco il nuovo trailer di The Witcher

Durante un’intervista al Lucca Comics & Games di quest’anno, Sapkowski ha rivelato di aver rifiutato l’opportunità di vedere l’episodio pilota dello show perché ha preferito aspettare e sorprendersi. Tuttavia, ha avuto l’opportunità di sbirciare il nuovo trailer, e secondo l’autore, se lo spettacolo si dimostrerà buono come mostrato dal trailer, sarà “un capolavoro”.

“Ieri ho assistito per la prima volta alla proiezione del trailer della serie The Witcher insieme ai fan”, ha detto Sapkowski mentre parlava con Wired. “Non ho nemmeno visto l’episodio pilota perché mi piace essere sorpreso. Ma posso dire una cosa: se la serie sarà bella come il trailer, avremo un capolavoro.”

Altrove nell’intervista, Sapkowski ha rivelato che Netflix gli ha pagato una buona quantità di denaro per essere consulente della serie durante la fase di scrittura, ma questo è stato il suo unico coinvolgimento, in parte perché non ha idea di come prendere i libri e trasformarli in una serie TV.

“Ho lavorato come consulente per la serie nella fase iniziale della stesura della storia, e sono stato molto ben pagato per farlo”, ha detto l’autore polacco. “Ma non ero coinvolto nella produzione effettiva, nel casting o nelle riprese e quando vedo le immagini dal set o dal trailer, sono sempre stupito. Tutti mi chiedono come immagino Geralt e gli altri, o l’ambientazione dei libri, anche rispetto a ciò che appare nella serie o nei videogiochi. La verità è che non visualizzo i personaggi e le scene che scrivo, non ho in mente un’immagine propria. Tutto quello che faccio è mettere in fila una lettera dopo l’altra fino a quando non ho riempito una pagina. Non ho idea di come dovrebbero apparire sullo schermo.”