The Witcher: Blood Origin, Netflix annuncia l’arrivo di una mini-serie prequel

Oggi Netflix ha annunciato che nonostante The Witcher abbia concluso per ora solo la sua prima stagione, il gigante dello streaming ha già dato il via libera a un nuovo progetto live-action facente parte dell’universo, The Witcher: Blood Origin, una serie prequel composta da sei parti e realizzata dallo showrunner Lauren Schmidt Hissrich e Declan de Barra, con l’autore dei romanzi, Andrzej Sapkowski, come produttore e consulente creativo.

Blood Origin avrà luogo 1.200 anni prima degli eventi di The Witcher, quando ebbe luogo la Congiunzione delle Sfere, l’evento cataclismico responsabile della presenza dei mostri, della magia e degli umani nella dimensione dove si svolgono le vicende della serie.

La storia parla principalmente del mondo elfico prima che quei fastidiosi umani si presentassero e iniziassero a rovinare tutto. Secondo la descrizione dello spettacolo, sembra che la linea temporale verrà modificata circa quando vedremo effettivamente la Congiunzione delle Sfere, in quanto i libri la descrivono come avvenuta 1500 anni prima della storia di Geralt.

“Come fan del genere fantasy”, ha detto de Barra. “Non vedo davvero l’ora di raccontare la storia di The Witcher: Blood Origin. Quando ho letto i libri di The Witcher, una domanda mi è sorta spontanea: com’era veramente il mondo elfico prima dell’arrivo cataclismico degli umani? Sono sempre stato affascinato dall’ascesa e dalla caduta delle civiltà, dal modo in cui scienza, nuove scoperte e cultura siano fiorite proprio prima di quella caduta. Come vaste aree di conoscenza si perdono per sempre in così poco tempo, spesso aggravate dalla colonizzazione e da una riscrittura della storia, lasciando indietro solo frammenti della vera storia di una civiltà. The Witcher: Blood Origin racconterà la storia della civiltà elfica prima della sua caduta e, soprattutto, rivelerà la storia dimenticata del primissimo ‘witcher’.”

Non siamo esattamente sicuri di chi sarà il “primo Witcher”, ma presumibilmente sarà il personaggio principale della miniserie. Questa viene presentata come una “serie limitata”, il che significa che finirà dopo questi sei episodi piuttosto che essere uno spin-off completamente nuovo. Anche se tutto ciò che diventa abbastanza popolare può sempre espandersi, come abbiamo visto con Big Little Lies della HBO, per esempio.

Non è chiaro se il piano fosse sempre quello di realizzare questa serie prequel, o se ciò potesse in qualche modo essere correlato alla pandemia in corso che ha interrotto la produzione della stagione 2 di The Witcher.

Voglio dire, fidarsi della Hissrich è naturale a questo punto, dato quanto ha fatto con la prima stagione dello spettacolo. Penso che potrebbe essere un po’ un problema che nello show manchi la migliore risorsa di The Witcher, Henry Cavill come Geralt, ma voglio dire, sono sei episodi, quanto può influire la cosa?

Sono sicuro che i fan di Witcher sono entusiasti di vedere una rivisitazione dal vivo della Congiunzione delle Sfere, e se questo ci farà andare avanti fino a quando vedremo di nuovo Geralt, ben venga allora. Altre informazioni arriveranno in futuro, e tutto ciò che sappiamo ora è che Blood Origin sta attualmente venendo girato nel Regno Unito.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: