The Witcher: la showrunner risponde ad un thread a proposito della disabilità di Geralt

The Witcher ha recentemente dovuto interrompere la produzione della seconda stagione, ma i fan possono aspettarsi un bel po’ di contenuti estratti direttamente dai libri, anche se ovviamente ci saranno alcuni cambiamenti.

Leggi anche: la showrunner condivide la dichiarazione sull’arresto della produzione a causa del covid

Secondo l’utente twitter mustangart, c’è un elemento specifico nei libri che dovrebbe venir introdotto nella serie ad un certo punto, e ha a che fare con una grave disabilità che ha Geralt, e che acquisisce per via di un infortunio durante il suo viaggio. L’utente ha scritto un lungo thread su Twitter sul fatto che Geralt avesse una disabilità nei libri, e che era un peccato che i giochi non lo includessero in qualche forma o modo. Con la speranza quindi che lo spettacolo cambi le cose, la showrunner Lauren S. Hissrich ha commentato quel thread dicendo di voler esplorare la cosa con Geralt ad un certo punto dello spettacolo.

Hissrich ha scritto: “Non ho smesso di pensare a questo thread. Ho letto questi libri una dozzina di volte, queste sezioni specifiche, ed non ho pensato di inserire questa cosa. Mi sono sbagliata. Sono entusiasta di approfondire questo argomento. Per aggiungere un altro livello al nostro eroe.”

Qui sotto potete leggere il post originale:

Il thread completo di MustangArt può essere letto cliccando sul tweet, ma abbiamo incluso estratti da esso che evidenziano la disabilità a cui si riferiscono e perché è importante.

“Geralt di Rivia e l’importanza dei protagonisti disabili.

Questa affermazione sorprende sempre le persone, anche i fan della serie. Ma è vero. È solo che le persone ricordano come viene mostrato Geralt nei videogiochi della CDPR – un cacciatore di mostri brizzolato ma robusto – senza rendersi conto che CDPR ha rimosso quella disabilità. “È solo una disabilità, non è così importante” potresti dire, ma in realtà è MOLTO importante. Geralt diventa disabile verso la fine del romanzo Time of Contempt dopo aver subito un grave infortunio che gli ha frantumato il gomito e il femore e lo lascia urlando in agonia e delirante finché le Driadi non lo aiutano.

“Ma è stato guarito dalle acque di Brokilon!”, ho sentito che voi fan dei libri vi lamentate e avete ragione, Geralt è stato guarito nella foresta di Brokilon dalle sue acque magiche, ma la guarigione non nega o riduce la sua disabilità. Infatti, dopo la guarigione, Geralt trova molte delle cose che usava fare più difficili. Si lamenta di forti dolori al braccio con cui impugna la spada (in particolare al gomito) e alla gamba (in particolare al ginocchio e talvolta all’anca) in tutti i libri dopo Time of Contempt e in poi.

Colpisce la sua andatura, facendolo camminare zoppicando e aumenta di gravità a seconda del tempo. Trova che cavalcare Roach per lunghi periodi è molto scomodo. È irrequieto quando si siede perché improvvisamente il suo ginocchio si blocca e ha bisogno di rialzarsi per allungarlo. A volte il dolore è così forte che lascia cadere la spada perché il suo gomito non può sopportare l’impatto e non può sempre combattere nel tipico stile della Scuola dei Lupi (comporta molte piroette) a causa del ginocchio e dell’anca.

Perché è importante che Geralt sia disabile? Aggiunge molto a Geralt come personaggio e protagonista. Quando pensi a Geralt di Rivia, pensi a un eroe forte e capace (anche se a volte riluttante). Non è qualcosa che si vede molto spesso nei romanzi fantasy o nel genere nel suo insieme, il fatto che sia qualcuno le cui disabilità includono artrosi e danni ai nervi, e ciò lo renderebbe un eroe ancora più famoso e potente. Quando Geralt diventa disabile, non viene ritratto come se la sua vita “finisse improvvisamente”, è ancora altrettanto capace, forte e impara a compensare le sue tecniche di combattimento con la spada per lavorare con la sua disabilità.

Quando ho letto i romanzi, ho visto molto di me in Geralt perché aveva alcune delle mie stesse disabilità e ha significato moltissimo vedere un personaggio che ammiravo attraversare le stesse cose che ero io. Si arrabbiava / si sentiva frustrato per la sua disabilità, a volte il dolore sarebbe stato troppo per lui…”

Dovremo aspettare e vedere come questo viene portato nello show, ma sembra che Hissrich sia decisamente presa dal portare questo dettaglio nello show ad un certo punto.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: