Thor: Love and Thunder, il film Marvel potrebbe utilizzare la tecnologia Stagecraft

Nell’ultima settimana, su Internet sono apparse le foto di Natalie Portman e della sua famiglia in arrivo a Sydney.

Ovviamente, molte persone hanno pensato che fosse per le riprese di Thor: Love and Thunder, e anche se era solo un’ipotesi basata sul film programmato per le riprese ai Fox Studios di Sydney; ci sono alcuni segnali che potrebbero essere in corso i primi lavori di preparazione in Australia per il quarto film di Thor.

Oltre a quelle foto, MCU Cosmic informa che la troupe sta cominciando a riunirsi in Australia. Ciò non significa che le riprese inizieranno necessariamente presto, ma sono abbastanza vicine, tanto che le persone stanno iniziando a fare il viaggio per iniziare la preparazione.

La cosa interessante è che sembra che alcuni con esperienza con la tecnologia Stagecraft, detta “Volume”, usata in The Mandalorian stiano compiendo il lungo viaggio in Australia. Con le produzioni Disney + a tema Star Wars ambientate a Los Angeles presso i palchi di Manhattan Beach utilizzati da The Mandalorian e il set all’aperto del “cantiere ferroviario”, è probabile che siano diretti lì per Thor: Love and Thunder (come Shang-Chi che è nella sua ultima parte delle riprese). Thor pare sarà la prossima grande produzione Disney a girare lì.

The Volume è una tecnologia di set virtuale che la serie The Mandalorian ha utilizzato per creare ambienti esterni in modo convincente su un set da interni. Ci sono scene nella serie girate nel volume che giureresti fossero sul posto, ecco quanto è convincente il lavoro degli effetti visivi nel Volume. Alla Disney piace condividere la tecnologia tra le produzioni, in particolare qualcosa come il Volume che può ridurre la necessità di riprese in esterni in un mondo ancora affetto dal COVID, il che significa che non sarebbe sorprendente vedere i Marvel Studios adottarlo rapidamente.

Questa sarebbe una buona notizia per Thor: Love and Thunder in quanto sarebbero in grado di fare praticamente tutte le riprese negli studios interni, mentre ricreano gli ambienti delle location tramite il Volume. Inoltre, non sarebbe sorprendente se anche altre produzioni dei Marvel Studios iniziassero a usarlo, è una tecnologia a cui anche Disney ha accesso e si è dimostrata molto efficace con The Mandalorian e presto verrà utilizzata per Obi-Wan.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: