Thor: Love & Thunder, Natalie Portman rivela che il suo personaggio avrà uno suo set di poteri

Il power set di Mighty Thor sarà diverso da quello del Thor di Chris Hemsworth.

Dopo anni di assenza, Natalie Portman è pronta a riprendere il suo personaggio, Jane Foster, in Thor: Love & Thunder di Taika Waititi. Questa volta, tuttavia, avrà un ruolo più carnoso del solo interesse amoroso del Dio del tuono poiché è anche pronta ad assumere l’identità di supereroe.

Debuttando in Thor del 2011, la Portman ha ripreso il suo ruolo solo un’altra volta in Thor: The Dark World. Da allora non è stata vista nel MCU, anche se ha fatto un cameo vocale in Avengers: Endgame, ma il filmato utilizzato era un clip extra del film Marvel diretto da Alan Taylor.

Non molto tempo dopo la sua apparizione nel film culminante, Thor: Love & Thunder è stato annunciato al San Diego Comic-Con del 2019 insieme alla sorpresa che non solo riprenderà il suo ruolo nel film di successo in arrivo, ma maneggerà anche il Mjölnir. Da allora non è stato rivelato più nulla con il coronavirus che ha interrotto i piani originali della Fase 4 dei Marvel Studios. Ora, tuttavia, con le riprese che inizieranno a gennaio, Portman sta condividendo nuovi dettagli su cosa aspettarsi dalla sua identità di supereroe nel tanto atteso film.

Apparendo in The Kelly Clarkson Show, l’attrice ha parlato brevemente di cosa sia Thor: Love & Thunder, e sebbene non possa dire nulla di più specifico sulla storia o sul suo ruolo in essa, ha rivelato che i poteri di Jane non saranno semplicemente gli stessi che il Thor di Hemsworth ha avuto negli anni. La Portman ha anche chiarito che il suo personaggio da supereroe non si chiama Lady Thor, ma The Mighty Thor.

“Quindi, ha dei poteri. Non esattamente gli stessi di Thor. Ne ha una sua versione. E si chiama The Mighty Thor.”

Nel corso degli anni, Thor ha mostrato diverse abilità, ma vale anche la pena notare che prima ancora di essere degno di sollevare il Mjölnir, era già significativamente più forte dell’essere umano medio perché è un Asgardiano. Semmai, il martello amplifica solo i suoi poteri.

Come Odino (Anthony Hopkins) gli dice beffardamente in Thor: Ragnarok, non è il Dio dei martelli, il che significa che la sua forza viene da dentro. Ora, le cose sono un po’ diverse con Jane poiché è una semplice mortale. Vale anche la pena notare che Portman ha già anticipato l’adattamento della trama del cancro di Jane presente fumetti, in cui vediamo la nostra scienziata venir consumata dal diventare The Mighty Thor, mentre al contempo il martello purificava il suo corpo dalle radiazioni dal trattamento.

In ogni caso, ha senso che i Marvel Studios non vogliano dare a Jane l’esatto set di poteri di Thor poiché limita le loro scelte quando si tratta di presentarla come Mighty Thor senza voler ricalcare le abilità che il suo predecessore ha mostrato prima.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: