Titans: Anna Diop si difende in un lungo post su Istagram

Diventa un nostro supporter!Diventa un nostro supporter!

Giorni fa vi abbiamo mostrato una serie di immagini leak dal set della nuova serie DC Comics, Titans, attualmente in produzione, pensata per narrare le vicende dei giovani titani, la super-squadra DC Comics composta da alcune ex-spalle dei super-eroi cosiddetti “alpha” della Justice League.

Dopo la visione di quelle immagini la polemica è scoppiata nel web. Alcuni hanno attaccato il look di Raven, altri quello di Beast Boy arrivando perfino ad dire che apparivano come gli scarti dei casting dei Power Rangers, ma sopratutto in tanti si sono concentrati nel lamentarsi a proposito di Anna Diop nei panni della principessa extraterrestre proveniente dal pianeta Tamaran, Koriand’r, meglio nota come Starfire.

Lasciando stare le varie speculazioni sull’aspetto del personaggio, che secondo noi ha uno stile che rimanda, seppur un maniera ovviamente riadattata per il piccolo schermo, alla Starfire della Golden Age, la bella Anna Diop stessa, a seguito di tutte le critice ricevute, ha avuto modo di rispondere con una grazia tale che ci fa non solo be sperare per la serietà con il quale l’attrice lavora, ma anche nel come intende rapportarsi con i fan DC che negli anni si approcceranno alla serie.

Qui sotto potete leggere il suo commento:

“Ai fan di “Titans”:
Ieri una foto di me sul set è trapelata online. Ed è stato un peccato perché i fan hanno aspettato MESI per una foto di ‘Starfire’ ed è uscita una foto sciatta di me su su un marciapiede.
Per il bene dei nostri incredibili fan – ho odiato il fatto che quella fosse la prima immagine che le persone abbano visto. È fuori contesto ed è una falsa rappresentazione dell’incredibile personaggio che interpreto. E anche una falsa rappresentazione della produzione fenomenale che sta dietro al tutto.

Detto ciò, detesto il deplorevole discorso che è seguito, e sebbene io sia spesso molto indifferente a queste cose, voglio usare questa come un’opportunità per dire che trattare così le persone non è tollerabile. Verso me o chiunque altro. Troppo spesso i social media vengono abusati da persone che trovano rifugio nell’anonimato e nel distacco ed usano ciò come strumento per molestare, abusare e vomitare odio verso gli altri. Tutto ciò è da deboli, è triste ed è un riflesso diretto del violentatore.

I commenti razzisti, dispregiativi e/o crudeli non hanno nulla a che fare con la persona che li riceve. E visto che lo so tutto ciò non mi tange. Ma per tutti coloro che invece potrebbero esserlo – sono qui per ricordarvi che le cose brutte e negative che vi dicono sono un riflesso di loro stessi. Quegli insulti NON vi definiscono e certamente NON vi rendono meno perfetti di quello che siete. Rimanete voi stessi.”