Universal Pictures renderà i suoi nuovi film disponibili per l’home-video nel giorno della release cinematografica

Con i cinema che chiudono o riducono la capacità dei posti a causa del Coronavirus, la Universal Pictures ha deciso che renderà i suoi nuovi film disponibili per l’home-video lo stesso giorno in cui sarebbero dovuti uscire al cinema.

L’iniziativa prenderà il via con il “Trolls World Tour” della DreamWorks Animation, che debutterà il 10 aprile negli Stati Uniti. La compagnia renderà disponibili su richiesta film che sono attualmente nelle sale a partire da venerdì 20 marzo. Questi film includono The Hunt e The Invisible Man, così come Emma, un adattamento del romanzo di Jane Austen della Focus, un etichetta speciale della Universal.

I film saranno disponibili per un periodo di noleggio di 48 ore ad un prezzo al dettaglio suggerito di 19,99 negli Stati Uniti e per circa lo stesso prezzo sui mercati internazionali.

“Universal Pictures ha una vasta e diversificata gamma di film e per nel 2020 non fa eccezione. Piuttosto che ritardare questi film o rilasciarli in un panorama di distribuzione incerto, vogliamo offrire un’opzione per le persone di vedere questi titoli in casa in modo che siano accessibili e convenienti”, ha dichiarato Jeff Shell, CEO di NBCUniversal. “Speriamo e crediamo che le persone andranno ancora al cinema ove possibile, ma capiamo che per persone in diverse aree del mondo questo sta diventando sempre meno possibile.”

Trolls World Tour è l’ultimo dei blockbuster che ha dovuto cambiare i suoi piani di rilascio mentre Hollywood è alle prese con il Coronavirus. La scorsa settimana, Universal ha spinto indietro il nuovo capitolo di Fast & Furious, poi c’è stato il ritardo di A Quiet Place Parte 2 della Paramount, Mulan della Disney e No Time to Die.

La mossa di Universal di rilasciare Trolls World Tour in digitale arriva dopo che il botteghino domestico è precipitato a un minimo di due decadi lo scorso fine settimana. Alla luce delle preoccupazioni per il Coronavirus, le catene di sale cinematografiche hanno limitato la quantità di biglietti venduti nei singoli auditorium per evitare l’affollamento e aumentare gli sforzi di risanamento.

Fonte

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: