Wonder Woman riceve il premio Hugo come miglior rappresentazione drammatica

Wonder Woman è stata appena incoronata regina della fantascienza dell’anno. La Wonder Woman della DC Films, diretta da Patty Jenkins, ha vinto il premio Hugo per la migliore rappresentazione drammatica – Long Form. Il cinecomic ha battuto altri candidati come Blade Runner 2049, Get Out, The Shape of Water, Star Wars: Gli Ultimi Jedi e Thor: Ragnarok per arrivare alla vittoria.

Come sapete Wonder Woman ha aperto a giugno 2017, lodato da critici e fan. Il film ha stabilito diversi record al botteghino ed è arrivata ad incassare 821 milioni di dollari in tutto il mondo.

Riguardo alle nuove libertà circa il secondo capitolo, guadagnate naturalmente grazie al successo della prima pellicola, Patty Jenkins ha dichiarato:

“La cosa più bella di fare questo film è stato il fatto che tu stai costruendo realmente la Wonder Woman che tutti amiamo, ma non è completa fino alla fine del film. La cosa più eccitante del sequel è letteralmente vederla libera nel mondo, vivere quelle storie classiche: ecco Wonder Woman, e cosa può fare?”

Come ricorderete, ha anche parlato della trama di Wonder Woman 1984 al CinemaCon, affermando che l’ambientazione del film degli anni susciterà nuove tentazioni per Diana.

“Wonder Woman è un personaggio ottimista e positivo”, ha detto Jenkins. “Questo film, ambientato negli anni ’80, avrà a che fare con la tentazione del nostro mondo e cosa lei dovrà affrontare.”

Per chi non conoscesse la natura degli Hugo Award, questo particolare premio, l’Annual Achievement Award for Science Fiction and Fantasy è un premio per lavori di genere fantascienza e fantasy assegnato ogni anno durante il World Science Fiction Convention (Worldcon), il congresso mondiale degli appassionati di fantascienza. È più noto come premio Hugo (Hugo Award) in omaggio a Hugo Gernsback, fondatore nel 1926 della rivista Amazing Stories, la prima rivista di fantascienza del mondo. Durante il Worldcon viene proposta al pubblico una rosa di autori candidati, e il premio viene aggiudicato all’autore più votato dal pubblico presente.

Il premio Hugo riflette quindi il gusto medio dei lettori di fantascienza più appassionati; è dunque un premio a carattere popolare a differenza del Premio Nebula che invece è attribuito da una giuria di scrittori ed è quindi più strettamente letterario. Visto però che il Nebula viene assegnato alcuni mesi prima del Worldcon, spesso lo Hugo viene influenzato da quest’ultimo.

Vengono inoltre proclamati i Retro Hugo (Retrospective Hugo Awards), assegnati 50, 75 o 100 anni dopo, in corrispondenza di anni in cui il premio Hugo non era ancora assegnato.

Seratul

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: