Zazie Beetz crede che Deadpool dovrebbe mantenere il suo rating-R

Zazie Beetz ha dichiarato che crede che Deadpool dovrebbe mantenere il suo rating-R. L’attrice è divenuta presto un nome familiare dalla sua memorabile apparizione in Deadpool 2 come l’anti-eroina fortunata nota come Domino, e a quanto pare tornerà per più di un apparizione in altri film.

Sebbene i film dei supereroi siano per loro natura molto particolari, le scene di combattimento nella maggior parte di essi sono caratterizzate da pochissimo sangue e nessuna violenza eccessiva. Questo è fatto con l’intenzione di assicurare un rating PG-13 e quindi ampliare il pubblico potenziale permettendo ai più giovani di vedere il film senza supervisione. Il semplice ragionamento è che se più persone sono in grado di vedere un film, più soldi guadagnerà.

L’uscita di Deadpool nel 2016 fu un successo finanziario nonostante il rating-R, indicando che solo perché il pubblico di un film è limitato, non vuol dire che una pellicola non può essere un successo al botteghino, sopratutto se ha abbastanza intelligenza e creatività per far appello ai fan.

Di recente, Beetz ha rilasciato questa dichiarazione mentre veniva intervistata da CineXpress (via SR) durante il Comic-Con di Porto Rico.

Ha sollevato la questione a causa del recente accordo tra la Fox (i titolari dei diritti cinematografici e di tutto il materiale relativo agli X-Men, incluso Deadpool) e la Disney. Il suo ragionamento era che, dal momento che la Disney ha una “base di pubblico diverso” rispetto alla Fox, in particolare una rating demografico che generalmente si rifà ai più giovani, c’era il rischio che i contenuti notoriamente violenti di Deadpool venissero “censurati” dai nuovi proprietari del personaggio.

La sua speranza è che la Disney “continui ad onorare la base di pubblico che la Fox ha generato” e mantenga Deadpool come è stato stabilito fin dall’inizio.