Zombieland: ecco gli script dei cameo alternativi di Sylvester Stallone, Mark Hamill e Patrick Swayze

Prima che il cameo di Bill Murray incredibilmente divertente finisse nel film originale di Zombieland, c’erano altri tre attori desiderati per il ruolo. La bozza originale della sceneggiatura è stata scritta per Patrick Swayze, come vi abbiamo detto in questi giorni, ma sfortunatamente alla fine si ammalò e non gli fu mai offerto il ruolo.

Leggi anche: in origine il celebre cameo di Zombieland doveva essere Patrick Swayze 

Il team creativo ha quindi pensato di coinvolgere Sylvester Stallone, ma non è stato in grado di farlo a causa di conflitti d’agenda. Successivamente, si sono avvicinati alla star della saga di Star Wars, Mark Hamill, ma ovviamente le cose non hanno funzionato neanche per lui. Quindi, il ruolo è andato a Murray, e alla fine è stato un cameo esilarante e divertente.

Gli scrittori di Zombieland, Rhett Reese e Paul Wernick, hanno recentemente condiviso le pagine della sceneggiatura scritta per tutti questi cameo su Twitter, e potete leggerle qui di seguito.

Una cosa che dovreste sapere prima di leggere, nella bozza della sceneggiatura di Swayze, il personaggio di Woody Harrelson, Tallahassee, era originariamente chiamato Albuquerque, il personaggio di Jesse Eisenberg, Columbus, si chiamava Flagstaff, e il personaggio di Abigail Breslin, Little Rock, era Stillwater. Il personaggio di Emma Stone era ancora chiamata Wichita.

Qui sotto il cameo di Sylvester Stallone:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il cameo di Sylvester Stallone si svolge quasi esattamente allo stesso modo di Patrick Swazye, tranne che vengono scambiati ovviamente i poster dei film e i riferimenti per ciò che Sly era noto negli anni ’80. E invece di accendere lo stereo per sentire riprodotta la canzone caratteristica di Dirty Dancing, la canzone che si sente è “Eye of the Tiger” di Rocky III. I riferimenti mentre prendono a calci il culo di zombie Stallone sono un po’ più divertenti di quelli dedicati a Swayze, in particolare l’ultima frase su Frank Stallone.

Qui sotto il cameo di Mark Hamill:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Simile al cameo di Murray in Zombieland, Hamill doveva essere presentato dopo che i quattro personaggi principali si sarebbero recati a casa sua girando per Hollywood. La dimora di Hamill nel film è addobbata nei cimeli di Star Wars. Tallahassee racconta al gruppo che ha idolatrato Hamill quando era più giovane, e poi racconta che si imbatté in Hamill a Las Vegas anni dopo e sputò nel cocktail dell’attore. Hamill disse quindi a Tallahassee che se si sarebbero mai rivisti, gli avrebbe spaccato la faccia.

Nella scena nel presente avremmo visto Tallahassee e Little Rock guardare l’originale Star Wars nel salotto / cinema di Hamill, con Columbus che avrebbe portato la spada laser di Luke Skywalker fuori casa per usarla. Wichita avrebbe trovato che avrebbe riprodotto il tema principale di Star Wars, e alla fine Hamill sarebbe apparte, ma è “zombificato” e “orribile”. Zombie Hamill quindi avrebbe inseguito Columbus intorno al palazzo mentre gli altri personaggi guardano Star Wars. Hamill avrebbe preso la spada laser di Darth Vader attaccata dal muro e sarebebe scoppiato un combattimento.

Ad un tratto Colombus sarebbe stato quasi sopraffatto da Hamill, ma Tallahassee sarebbe apparso con in mano un bastone da sabbipode e sarebbe scoppiato un duello fra lui e Mark, dove il personaggio di Harrelson sarebbe riuscito a tagliare la mano all’attore, proprio come in “The Empire Strikes Back.

Infine il cameo di Patrick Swayze:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Invece, nel cameo scritto per Patrick Swayze, Albuquerque, Flagstaff, Stillwater e Wichita arrivano nella villa della celebrità. Il gruppo esplora una stanza che con appesi vari oggetti che rimandano ai film dell’attore, la tavola da surf di Point Break, il tornio di Ghost, ed altre cose.. Harrelson quindi confessa di essere sempre stato un grande fan di Swayze, ma di aver cambiato idea dopo aver visto Dirty Dancing. I quattro si dividono, Harrelson e Breslin vanno al piano superiore e iniziano a guardare Road House in DVD, mentre al piano di sotto, ascoltando “(I’ve Had) The Time of My Life”, il personaggio di Jesse Eisenberg cerca di convincere quello di Emma Stone a ricreare la scena di Ghost con il tornio per la creta, ma lei rifiuta, se ne va e raggiunge gli altri due.

A questo punto, un risvegliato zombie-Swayze coglie di sorpresa Eisenberg e i due prendono a lottare, anche se da fuori sembra stiano ballando. Eisenberg viene quindi salvato da Harrelson che, solleva Swayze sopra la testa e lo scaraventa contro una colonna, per poi prenderlo a calci insieme agli altri del gruppo.

 

Seratul

Sono uno scrittore per passione, un cinefilo per destino, ed un intellettuale perché non ho niente da fare. Strano, appassionato di cinema, incline all'informarmi per diletto ed a fare figure cacine all'occorrenza. Capo redattore di Cinespression.it.
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: